Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Svolta Usa, sono esportatori netti di gas
29/11/2016 - Pubblicato in news internazionali

I riflettori continuano ad essere puntati sul petrolio e sull’Opec. Ma nel mondo dell’energia sono gli Stati Uniti dello shale a tagliare un nuovo traguardo storico, tornando - per la prima volta da sessant’anni - ad essere esportatori netti di gas. Nel mese di novembre, secondo S&P Global Platts, Washington ha venduto all’estero 7,4 miliardi di piedi cubi al giorno del combustibile (ossia 209,5 milioni di metri cubi), mentre ne ha importati 7 miliardi. L’accelerazione è legata soprattutto alle forti esportazioni verso il Messico, collegato da nuovi gasdotti, mentre quelle verso il Canada sono rimaste stabili. I fattori determinanti sono comunque altri: da un lato il boom di produzione legato all’emergere dello shale gas e dall’altro l’avvio dell’export di Gas naturale liquefatto (Gnl), che ha consentito di raggiungere ogni angolo del mondo. Nei prossimi mesi Washington potrebbe anche perdere temporaneamente lo status di esportatore netto, ma l’export di gas americano è comunque cresciuto di oltre il 50% dal 2010 e il cammino resta ormai tracciato. «Il gas - commenta Anthony Yuen, global energy strategist di Citigroup- è solo uno dei primi segni della forza crescente degli Usa come produttori di energia».

Fonte: Il Sole 24Ore, Finanza&mercati – S. Bel. (pag. 33)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]