Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Sussidi alle fossili e prezzo della CO2
23/09/2015 - Pubblicato in fiscalita

L'Ocse ha appena pubblicato l'aggiornamento del consueto rapporto sui sussidi alle fonti fossili di energia. Più volte abbiamo sottolineato i limiti di questo esercizio. Oggi ci soffermiamo invece sui numeri che riguardano l'Italia.L'Ocse calcola l'ammontare totale dei sussidi a 3,6 miliardi di euro nel 2014 e in mezzo ci sono diverse spese fiscali (rimborsi di accise, prodotti con accisa ridotta, ecc) in cui la parte del leone la fanno l'autotrasporto, i prodotti destinati all'agricoltura, il trasporto marittimo e le agevolazioni per le zone montane. Tutte voci che il Governo intende rivedere, grazie al decreto attuativo della delega fiscale che proprio oggi dovrebbe ottenere il via libera definitivo dal Consiglio dei ministri. C'è un altro dato contenuto nel rapporto che vale la pena sottolineare. Spesso le polemiche sui sussidi alle fonti fossili sono accompagnate dalla richiesta di introdurre una carbon tax o di assegnare un prezzo alla CO2. Nel rapporto, l'Ocse calcola il prezzo della CO2 nei diversi Paesi sulla base dell'imposizione fiscale sui diversi prodotti energetici. In Italia questa “carbon tax informale” è di 80 euro la tonnellata di CO2, un livello inferiore solo ai Paesi nordici, dove una carbon tax vera e propria già c'è.

Stando a questi numeri, chi ha interessi nei combustibili fossili avrebbe dunque solo da guadagnare dall'introduzione di una carbon tax di 50 euro la tonnellata – almeno in Italia.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]