Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Lo stop al carbone e gli effetti sul gas
25/10/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Sul tema dell’uscita dal carbone entro il 2025 accelerando la riduzione delle emissioni di anidride carbonica si è mosso anche il Wwf Italia rivolgendo agli analisti del Ref-E, istituto di ricerche di economia e regolazione dell’energia. La risposta degli esperti è che la quota di carbone in Italia al momento pesa relativamente poco in termini di elettricità prodotta (12-16%), cui corrisponde però un tasso d’inquinamento del 40%. Una presa di posizione dell’Italia potrebbe incidere anche sui Paesi più dipendenti dal carbone, come Germania e Polonia. In particolare l’impatto sui prezzi finali dell’energia elettrica sarebbe limitato al 2025. Negli anni successivi, l’effetto combinato delle previsioni di prezzo dei permessi di emissione e la maggiore penetrazione delle fonti rinnovabili annullano il differenziale sul costo di generazione termoelettrico tra gli scenari.

Fonte: MF – red. (pag. 20)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]