Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Stoccaggio gas: così i conferimenti inframensili. Entrata in vigore da definire
27/04/2016 - Pubblicato in stoccaggi

Con la delibera 193/2016/R/gas l'Autorità per l'energia ha definito i criteri di svolgimento delle procedure per il conferimento e la cessione fra utenti della capacità di stoccaggio per periodi pari o inferiori al mese. Non è stata però ancora definita la data di efficacia del provvedimento, che sarà fissata in seguito nell'ambito del procedimento di riforma del bilanciamento del gas naturale. La delibera 193, che segue il documento di consultazione 30/2016/R/gas e si inserisce nell'ambito della riforma del bilanciamento del gas naturale ai fini dell'attuazione del Regolamento UE n. 312/214, prevede l'introduzione di due meccanismi per l'allocazione della capacità: un mercato day-ahead della capacità continua e interrompibile, organizzato secondo le modalità già attualmente previste per l'allocazione della capacità mensile e settimanale; l'overnomination dello stoccaggio da parte degli utenti nel corso del giorno gas. In particolare sono definite le procedure per il conferimento della capacità di stoccaggio su base mensile, settimanale e giornaliera, organizzate su due sessioni e le modalità di svolgimento delle stesse, nonché la destinazione al fondo Conto oneri di stoccaggio, gestito dalla Cassa per i servizi energetici e ambientali, dei proventi derivanti dalle procedure di mercato. La delibera demanda infine alle imprese di stoccaggio, nell'ambito della definizione delle relative proposte di modifica dei codici di stoccaggio, entro i prossimi 45 giorni, la valutazione degli aspetti implementativi e, in particolare, delle tempistiche di svolgimento delle sessioni e dei meccanismi dell'overnonimation, anche indicando modalità transitorie di applicazione a fronte di eventuali criticità implementative. Da segnalare nel frattempo che con la delibera 191/2016/R/gas l'Autorità ha adeguato la regolazione del fattore di garanzia sui ricavi per i terminali di rigassificazione, attualmente riconosciuto a OLT Offshore di Livorno, per tenere conto dei ricavi che gli impianti possono realizzare con il nuovo servizio integrato di rigassificazione e stoccaggio . La delibera in particolare aggiorna la formula di calcolo del fattore di garanzia, sottraendo dai ricavi di riferimento da moltiplicare per il valore percentuale del livello di copertura anche i ricavi realizzati con il servizio integrato, oltre a quelli derivanti dai corrispettivi unitari incassati per l'utilizzo normale dell'impianto e dal servizio di flessibilità.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]