Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Stati Uniti e Canada vietano le trivelle nelle acque dell’Artico
22/12/2016 - Pubblicato in news internazionali

Dalle idilliche spiagge delle sue ultime vacanze presidenziali, nelle native Hawaii, Barack Obama ha lanciato una stoccata “glaciale” al prossimo inquilino della Casa Bianca e alla sua minaccia di cancellare la protezione dell’ambiente nel nome di una Grande America. Con uno degli atti finali del suo governo, Obama ha vietato le trivellazioni offshore per gas e petrolio nelle regioni artiche del Pacifico e dell’Atlantico settentrionale. E non è una messa al bando qualunque: Obama ha definito l’ordine «permanente», facendo leva su una dimenticata legislazione del 1953 – l’Outer Continental Shelf Act – che gli conferirebbe l’autorità necessaria a proteggere in modo irreversibile i fondali marini, dal Maine alla Virginia sulla costa orientale del Paese e lungo gran parte dell’Alaska su quella occidentale. Una misura analoga – ma rivedibile ogni cinque anni – è stata adottata in contemporanea dal Canada, dove il primo ministro Justin Trudeau, che insieme ad Obama aveva promesso un impegno a difesa dell’Artico, ha vietato la concessione di licenze di esplorazione in tutte le acque della regione artica.

Fonte: Il Sole 24Ore, Finanza&mercati – Sissi Bellomo, Marco Valsamia (pag. 36)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]