Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Stati Uniti e Canada vietano le trivelle nelle acque dell’Artico
22/12/2016 - Pubblicato in news internazionali

Dalle idilliche spiagge delle sue ultime vacanze presidenziali, nelle native Hawaii, Barack Obama ha lanciato una stoccata “glaciale” al prossimo inquilino della Casa Bianca e alla sua minaccia di cancellare la protezione dell’ambiente nel nome di una Grande America. Con uno degli atti finali del suo governo, Obama ha vietato le trivellazioni offshore per gas e petrolio nelle regioni artiche del Pacifico e dell’Atlantico settentrionale. E non è una messa al bando qualunque: Obama ha definito l’ordine «permanente», facendo leva su una dimenticata legislazione del 1953 – l’Outer Continental Shelf Act – che gli conferirebbe l’autorità necessaria a proteggere in modo irreversibile i fondali marini, dal Maine alla Virginia sulla costa orientale del Paese e lungo gran parte dell’Alaska su quella occidentale. Una misura analoga – ma rivedibile ogni cinque anni – è stata adottata in contemporanea dal Canada, dove il primo ministro Justin Trudeau, che insieme ad Obama aveva promesso un impegno a difesa dell’Artico, ha vietato la concessione di licenze di esplorazione in tutte le acque della regione artica.

Fonte: Il Sole 24Ore, Finanza&mercati – Sissi Bellomo, Marco Valsamia (pag. 36)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi

Continua, anche dopo Berlino, il gioco al rialzo del generale Haftar che non allenta la presa su porti e produzione di petrolio
[leggi tutto…]

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]

Tremila metri sotto i mari in cerca di petrolio

L’azienda petrolifera francese Total inizierà entro la fine del mese di gennaio la perforazione del più profondo pozzo di greggio al mondo sotto il livello del mare
[leggi tutto…]