Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa “Spostare ancora il tracciato Tap? Il gasdotto non può cambiare”
19/12/2017 - Pubblicato in news nazionali

«Il progetto del gasdotto non può essere più modificato: la soluzione individuata è la migliore possibile in termini di impatto ambientale. Ripartire con l’iter autorizzativo significherebbe tornare indietro di oltre quattro anni e sarebbe comunque inutile perché non esistono approdi migliori»: Luca Schieppati, managing director di Tap, la società multinazionale che sta realizzando l’opera lunga 900 chilometri per portare il gas azero in Italia, gela così le attese di chi vorrebbe spostare il punto di approdo dalla marina di San Foca, in provincia di Lecce, nel brindisino. Sulla questione era tornato ieri Michele Emiliano, governatore della Puglia, auspicando in un’intervista al Corriere della Sera un ripensamento, perché «siamo favorevoli al gasdotto» ma «forse ci può essere consentito di non far arrivare in uno dei parchi naturali più belli della Puglia e sulla più bella spiaggia dell’Adriatico». Cambiare rotta però — almeno secondo il manager di Tap—non è più possibile perché «la scelta del sito è stata effettuata dopo un’analisi approfondita di molte ipotesi progettuali, sono state valutate 11 alternative e San Foca si è rivelata la soluzione migliore e a minore impatto, come confermato dal ministero dell’Ambiente, al termine di un percorso autorizzativo avviato nel 2013». Alla domanda sulle ragioni per cui è stato scartato il sito alternativo di cui ha parlato Emiliano, Schieppati risponde: «realizzare l’approdo nel brindisino richiederebbe uno sbancamento maggiore sia a terra, sia in mare, sarebbero necessari interventi in aree protette, a danno dell’ambiente. Anche le altre alternative valutate presentavano problemi dello stesso tipo. Il sito individuato permette invece di preservare per esempio le colonie di poseidonia oceanica, specie protetta molto diffusa lungo la costa pugliese dell’Adriatico».

Fonte: Corriere della Sera - Paolo Foschi (pag. 33)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]

Le emissioni non aumentano anche se l’economia è cresciuta: ecco perché è una buona notizia

Contrariamente alle attese, nel 2019 le emissioni mondiali di CO2 – il principale dei gas serra responsabili del riscaldamento globale- non sono aumentate
[leggi tutto…]

Chi vince e chi perde con il Green New Deal

New Green Deal. Sbagliare una mossa potrebbe costare salato
[leggi tutto…]