Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Spinaci, quasi un ultimo appello
29/09/2016 - Pubblicato in news nazionali

Claudio Spinaci - presidente dell'Unione Petrolifera - ha ribadito  martedì a Milano all'Energy Summit del Sole24Ore che “chi, come alcuni politici, pensa di poter impacchettare il settore petroliero e in tre o quattro anni buttarlo via si dimentica di un particolare importante, che si tratta di un settore strategico e che, se ciò accadesse, il Paese rischia di fermarsi perché, volenti o nolenti, ancora per molti anni non potremo fare a meno dei prodotti petroliferi, carburanti in primis”. Anche negli ultimi mesi infatti la direzione politica è quella di considerare sempre di più l'industria petrolifera un business “a perdere”, privandolo di fatto di quel sostegno minimo indispensabile per poter continuare il proprio lavoro in sicurezza e con la consueta affidabilità. A cominciare dalla raffinazione, attività senza la quale verrebbe messa a rischio la disponibilità dei prodotti a prezzi competitivi nel mercato interno. Secondo il presidente, occorre mantenere un approccio il più possibile neutrale, evitando inutili sprechi di risorse, perché la transizione sarà lunga e il vero cambiamento avverrà solo tra 30-40 anni. Un monito, quello di Spinaci, che riflette anche il sentimento di scoramento che si respira nella filiera petrolifera.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Greggi ai massimi da novembre

In aumento le quotazioni del petrolio sui circuiti elettronici internazionali.
[leggi tutto…]

Phase out carbone, Crippa rilancia il cavo Sardegna-Sicilia

Il phase out del carbone in Sardegna si può gestire dalla Sicilia, valutando la possibilità di accorciare i tempi di realizzazione;
[leggi tutto…]

Petrolio in ripresa, ma tra Riad e Mosca l’alleanza è a rischio

L’asse petrolifero tra Russia e Arabia Saudita inizia a scricchiolare
[leggi tutto…]