Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La speculazione sul petrolio dà una mano all’Opec (per ora)
28/02/2017 - Pubblicato in news internazionali

L’Opec potrebbe ricevere un aiuto dagli speculatori, mai così tanto in rialzo sul petrolio. Infatti la settimana prossima potrebbe esserci un’accelerazione sullo spostamento della curva del Brent verso una struttura che incoraggia lo smaltimento delle scorte. Reuters stima una cifra pari a 2 miliardi di dollari che verrà spostata dal Brent: una migrazione che favorirebbe lo sviluppo di una backwardation, quella situazione per cui il greggio per consegna vicina costa più di quello a futuri. Nelle prime sedute del prossimo mese S&P dovranno vendere Brent dicembre e comprare Brent giugno, con un conseguente impatto di 35-45 mila contratti da 1000 barili ciascuno. La regola per il Wti non è ancora scattata. Entrambi i benchmark sono da mesi nel mirino degli speculatori rialzisti. La posizione netta lunga all’acquisto degli hedge funds è da primato per il Brent e il Wti e nel complesso ha raggiunto l’equivalente di 951 milioni di barili, circa 10 volte il consumo mondiale quotidiano.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 38)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]