Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Sotto l’Italia c’è un tesoro la corsa all’oro nero vale nove miliardi l’anno
20/01/2016 - Pubblicato in news nazionali

Questo sostengono i fautori delle trivellazioni per la ricerca di nuovi giacimenti di gas e petrolio. Sul fronte opposto combattono i teorici dell’abbandono delle fonti energetiche fossili “a favore di un diverso modello di sviluppo”, come ha detto nei giorni scorsi l governatore della Puglia, Michele Emiliano. I numeri sono chiari: dai pozzi italiani nel 2014 sono stati estratti 5,7 milioni di tonnellate di petrolio e 7,3 miliardi di metri cubi di gas naturale. Le cifre rappresentano il 10,3 per centro del fabbisogno di petrolio e l’11,8 del consumo di gas del Paese. Quanto potranno incidere nel futuro degli approvvigionamento energetici italiani? Lo studio presentato nel 2012 da Rie (Ricerche industriali ed energetiche) per conto di Assomineraria, basato su dati di Terna. Nel 2025 l’Italia continua a dipendere per il 74 per cento da petrolio e gas mentre l’incidenza delle energie rinnovabili non supererà il 15 per cento e importare petrolio e gas costa. Nel 2011 l’Italia ha pagato 63 miliardi di euro, il 4 per cento del pil.

Fonte: La Repubblica, L’ambiente ​

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]