Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Solo l’industria risolleva un Paese e senza energia non c’è industria
04/03/2016 - Pubblicato in news nazionali

Lungo lo Stivale si affermano da tempo minoranze ambientaliste attive e rumorose, in grado di bloccare ogni programmazione di approvvigionamento energetico, che si scagliano contro la stessa coltivazione di giacimenti di idrocarburi quando vengono scoperti nel nostro territorio e nelle nostre acque territoriali. Nel mondo al contrario, ogni Nazione che abbia rilevanza, pone al primo punto della propria sicurezza il raggiungimento dell’autonomia energetica: per affrancarsi certamente dai cosi, ma in primo luogo anche per non soggiacere a condizionamenti politici. Lo sviluppo, l’occupazione, impongono scelte coraggiose, diversamente a nulla varrà elencare solo i guai, come fanno sovente i governanti. Chi governa deve decidere. Alcuni si rifugiano nel luogo comune che l’economia fondata sul turismo è l’alternativa all’industria; ma è un assunto erroneo. È l’industria che offre al territorio la spinta per darsi altre ciance economiche e permettersi un ambiente più consono alle esigenze delle persone”.

Fonte: Libero

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio volatile in attesa di G20 e Opec

Le nuove sanzioni Usa contro l’Iran non hanno smosso i mercati petroliferi.
[leggi tutto…]

Dal gas alle reti, quattro mine sul Piano energia

La campanella suonerà il 31 dicembre quando tutti i paesi Ue dovranno presentare la versione definitiva dei Piani nazionali per l’energia e il clima
[leggi tutto…]

Phase out La Spezia, i sindacati: conversione a gas ed essenzialità

Per la prima volta tutti i partecipanti al tavolo del phase out (tranne il ministero dello Sviluppo economico) si incontreranno in pubblico per parlare della centrale a carbone di La Spezia.
[leggi tutto…]