Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Le società petrolifere vedono la luce in fondo al tunnel
12/01/2017 - Pubblicato in aspetti tecnici

Dopo la peggiore crisi degli ultimi trent’anni, l’industria petrolifera sembra aver ritrovato l’ottimismo. Incoraggiate dal rilancio dei prezzi del greggio e rafforzate dalla maggiore efficienza guadagnata nelle operazioni estrattive, le compagnie nel 2017 potrebbero cautamente ricominciare a spendere. Inoltre le major inizieranno a raccogliere i frutti di ambiziosi investimenti decisi nel passato, aumentando i volumi di produzione e migliorando i flussi di cassa. Dopo aver tirato la cinghia per due anni, nel 2017 le sessanta maggiori società di esplorazione e produzione nel mondo incrementeranno del 3% gli investimenti in conto capitale (capex), prevede Wood Mackenzie. A trainare gli investimenti saranno le società impegnate nello shale oil secondo Wood Mackenzie, con un incremento del 25%, mentre le major dovrebbero spendere l’8% in meno. Ma non si tratta di un passo indietro: la contrazione è legata alla discesa dei costi (dopo il -20% dello scorso biennio è attesa un’ulteriore riduzione del 3-7% nel 2017) e al fatto che alcuni grandi progetti avviati in passato arriveranno a compimento. Un’altra analisi, di Rystad Energy, si concentra proprio su questi ultimi: da Kashagan, giacimento gigante kazakho sviluppato anche dall’Eni, a Gorgon, ambizioso progetto di Chevron nel Gnl australiano. Le 7 maggiori compagnie integrate, in pratica le «Sette sorelle» dei nostri giorni (Exxon-Mobil, Chevron, Royal Dutch Shell, Bp, Eni, Total e Statoil) secondo Rystad aumenteranno la produzione di idrocarburi di ben 398mila barili al giorno nel 2017, un record dal 2010.

Fonte: Il Sole 24Ore, Finanza&mercati – Sissi Bellomo (pag.32)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Trivellazioni a largo di Cipro. Braccio di ferro tra UE e Erdogan

Acque agitate al largo di Cipro, dove Ankara sta portando avanti da giorni trivellazioni per la ricerca di idrocarburi. Ieri, dopo una settimana di avvertimenti, la Ue ha stabilito un primo round di sanzioni politiche ed economiche alle quali Ankara ha re
[leggi tutto…]

Francia, gli oneri sulle bollette crescono dell’11%

Gli oneri per il “servizio pubblico energia” che gravano sulle bollette elettricità e gas dei consumatori francesi ammonteranno nel 2020 a 7.916 milioni di euro (+11% in più rispetto al 2018). E' quanto risulta dal calcolo p
[leggi tutto…]

Il gas torna più caro in Europa con la CO2

Sul principale hub nel Vecchio continente, il Ttf olandese, il gas è arrivato a 14 €/MWh sul mercato del giorno prima
[leggi tutto…]