Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa A Snam piace Tap
05/09/2015 - Pubblicato in news nazionali

Verso la fine dell'anno ci sarà qualche novità» in merito a un eventuale ingresso di Snam nel gasdotto trans Adriatico Tap. Lo ha affermato l'a.d. di Snam, Carlo Malacarne, a margine del Forum Ambrosetti 2015, spiegando che «Tap sta progredendo secondo i progetti. Sono partiti gli investimenti e sono arrivate le autorizzazioni. È un progetto interessante. I principali azionisti, come Socar, sono molto interessati a essere presenti in Europa e questo è un buon auspicio perché il progetto si realizzi. Noi siamo interessati a poter giocare un ruolo anche gestionale». Sull'eventuale ingresso di Snam in Tap, Malacarne ha poi aggiunto di augurarsi che «il consorzio dia la priorità a chi può essere operativo anche nella gestione». Quanto ai consumi interni, in Italia nel 2015 quelli di gas dovrebbero registrare un +5% «ma solo perché lo scorso anno sono stati bassissimi. Siamo, più o meno, in condizioni di stabilità», ha detto ancora Malacarne. L'anno scorso i consumi si sono aggirati sui «66-67 miliardi di metri cubi», mentre quest'anno saranno «intorno ai 70-71 mld». Sul recente annuncio di Eni in merito alla scoperta del mega giacimento di gas al largo delle coste dell'Egitto, Malacarne ha sottolineato che «è molto importante. Nel medio-lungo periodo, aumenterà l'importanza dell'Italia come corridoio sud verso l'Europa».

Fonte: Italia Oggi, Mercati e Finanza (pag. 35)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]