Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa A Snam piace Tap
05/09/2015 - Pubblicato in news nazionali

Verso la fine dell'anno ci sarà qualche novità» in merito a un eventuale ingresso di Snam nel gasdotto trans Adriatico Tap. Lo ha affermato l'a.d. di Snam, Carlo Malacarne, a margine del Forum Ambrosetti 2015, spiegando che «Tap sta progredendo secondo i progetti. Sono partiti gli investimenti e sono arrivate le autorizzazioni. È un progetto interessante. I principali azionisti, come Socar, sono molto interessati a essere presenti in Europa e questo è un buon auspicio perché il progetto si realizzi. Noi siamo interessati a poter giocare un ruolo anche gestionale». Sull'eventuale ingresso di Snam in Tap, Malacarne ha poi aggiunto di augurarsi che «il consorzio dia la priorità a chi può essere operativo anche nella gestione». Quanto ai consumi interni, in Italia nel 2015 quelli di gas dovrebbero registrare un +5% «ma solo perché lo scorso anno sono stati bassissimi. Siamo, più o meno, in condizioni di stabilità», ha detto ancora Malacarne. L'anno scorso i consumi si sono aggirati sui «66-67 miliardi di metri cubi», mentre quest'anno saranno «intorno ai 70-71 mld». Sul recente annuncio di Eni in merito alla scoperta del mega giacimento di gas al largo delle coste dell'Egitto, Malacarne ha sottolineato che «è molto importante. Nel medio-lungo periodo, aumenterà l'importanza dell'Italia come corridoio sud verso l'Europa».

Fonte: Italia Oggi, Mercati e Finanza (pag. 35)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]