Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Snam, patto mediterraneo per le infrastrutture
06/02/2018 - Pubblicato in news nazionali

Un patto tra i principali operatori di trasporto del gas (Tso) del Mediterraneo, per promuovere un ulteriore sviluppo delle infrastrutture. A dare il “la” a una cooperazione rafforzata è Snam che avrebbe riunito giovedì scorso a Milano le sue omologhe per rilanciare una strategia comune. All’incontro, aperto dal presidente della società, Carlo Malacarne, hanno partecipato anche la francese GRTgaz (gruppo Engie), la spagnola Enagas, l’israeliana Ingl, oltre ai Tso di Cipro, Grecia, Malta, Marocco, Giordania, Portogallo, Slovenia e Croazia. La premessa da cui ha preso le mosse il confronto è che il bacino del Mediterraneo sta assumendo un rilievo crescente nel settore non solo per la crescita della domanda – che ammonta attualmente a circa 300 miliardi di metri cubi annui – ma anche per le scoperte significative degli ultimi anni (su tutte il maxi-giacimento di Zohr targato Eni nell’offshore egiziano) e i nuovi corridoi energetici. Un asse più stretto servirà a garantire ulteriore diversificazione e sicurezza degli approvvigionamenti.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza & Mercati – Celestina Dominelli (pag. 32)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]