Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Snam, passaggio in Grecia per l’Europa unita del Gas
11/09/2017 - Pubblicato in news internazionali

Obiettivo Atene, per assicurarsi una posizione in prima fila nel corridoio sud del gas, che dovrà mettere in connessione il metano in provenienza dall’area del Mar Caspio con l’Italia e che ha una delle sue principali direttrici nel Tap, il gasdotto Trans-adriatico, di cui Snam è azionista al 20 per cento. La rotta l’ha tracciata Marco Alverà, amministratore delegato della Snam, il numero uno europeo dei gasdotti in corsa per l’acquisto di una partecipazione del 66% dell’operatore ellenico, dei metanodotti Desfa messa in vendita dal governo di Alexis Tsipras. Si tratta di un asset strategico per la realizzazione del progetto di Energy union europea, perché da Atene e dall’Italia passeranno le future forniture da Russia, Israele, Cipro, Iraq e Iran. Con la campagna greca Snam vuole accelerare sulla strada dell’unificazione dei mercati per affidare all’Italia il ruolo di hub del mercato del gas del vecchio continente. La partita entrerà a breve nel vivo con la selezione di una rosa di pretendenti che verrà ammessa alla due diligence, con la scelta di un candidato con cui concludere il negoziato. Snam si presenta con una candidatura forte: alla privatizzazione del network di Atene Snam infatti è a capo di una cordata che include operatori del gasdotto come la belga Fluxys, la spagnola Enagas e l’olandese Gasunie. Sono in corso anche colloqui con PetroChina.

Fonte: Corriere della Sera, Economia – Stefano Agnoli e Daniela Polizzi (pag. 26)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]