Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Snam, si “libera” di Italgas per puntare a Est
04/07/2016 - Pubblicato in news nazionali

Al termine della scissione che vedrà i soci di Snam ricevere una nuova azione di Italgas oer ogni cinque titoli di Snam in portafoglio, la nuova compagnia si presenterà con un utile “pro forma” al 2015 pari a 260 milioni, un fatturato di 1,1 miliardi e una redditività di poco superiore ai 735 milioni. Il nuovo ad di Italgas sarà Paolo Gallo, ex manager Acea che ha appena completato l’operazione Grandi Stazioni. A Gallo il compito di valorizzare ulteriormente la società, che ha come primo obiettivo quello di crescere nel mercato locale della distribuzione del gas. “Nei prossimi cinque anni – ha detto Marco Alverà, nuovo ad di Snam, a Londra nel presentare il nuovo piano industriale – investiremo 4,5 miliardi per il potenziamento della rete nazionale e la sua integrazione con i mercati continentali”. Tradotto, significa che Alverà intende completare il disegno strategico iniziato da Malacarne e che ha portato Snam ad acquisire la rete di distribuzione del gas nel sud della Francia da Total nonché il collegamento Interconnector sotto la Manica, oltre a quote di gasdotti che arrivano in Italia dall’Austria e dalla Germania. Il secondo obiettivo della strategia internazionale vedrà Snam impegnata nel potenziamento delle reti che dovranno rifornire di materia prima i paesi dell’Est Europa. Con il sempre più probabile raddoppio del North Stream sotto il Baltico e la possibile realizzazione del Turkish Stream sotto il Mar Nero, Gazprom intende aumentare la sua offerta di gas verso l’Europa occidentale bypassando i paesi dell’ex blocco sovietico. I quali dovranno, comunque, rifornirsi di gas. E questo non potrà che avvenire con un reverse flow in cui Snam vuole avere un ruolo primario, sfruttando la posizione geografica dell’Italia, quale porta del Mediterraneo.

Fonte: La Repubblica Affari & Finanza – Luca Pagni (pag. 21)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]