Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Snam guarda a Gas Connect e Thyssengas
28/04/2016 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

“Snam può considerarsi a tutti gli effetti come una public company”. Lo ha detto a margine dell'assemblea l'ex a.d. Carlo Malacarne nominato presidente del gruppo, commentando il fatto che la lista più votata oggi per il Cda , con il 34,39% del capitale sociale presente alle votazioni (69,37%), sia stata quella del secondo azionista, i fondi di Assogestioni.  I voti di Assogestioni hanno portato in Cda tutti e tre i candidati della lista, Elisabetta Oliveri, Sabrina Bruno e Francesco Gori. Il primo azionista Cdp Reti, controllata di Cassa Despositi e prestiti e partecipata dalla cinese di State Grid, era presente con il 33,85% del capitale. Una prima votazione ha quindi portato alla nomina di Carlo Malacarne, poi eletto presidente, Marco Alverà e Alessandro Tonetti. Per eleggere i restanti tre membri si è quindi ricorso a una seconda votazione, con i fondi che hanno optato per uscire all'assembleae sono stati votati gli altri tre candidati della lista di Cdp Reti, Yunpeng He, Monica De Virgiliis e Lucia Morselli. Nel pomeriggio il Cda ha nominato Alverà a.d. conferendogli i poteri di amministrazione della Società. Sulla crescita all'estero confermato interesse per l'austriaca Gas Connect e anche per la tedesca Thyssengas. “Stiamo guardando con attenzione ai corridoi strategici Est-Ovest e Nord-Sud" ha detto Malacarne a margine dell'assemblea. Su Gas Connect: "Stiamo valutando la partecipazione qualora sia ufficializzata la cessione" che secondo le attese dovrebbe essere del 49%. Snam ha ricevuto la documentazione cin le informazioni preliminari diffuse in febbraio dall'azionista Omv. Malacarne ha inoltre confermato l'interesse verso altre società europee, come la tedesca Thyssengas. "Stiamo monitorando l'evoluzione di tutto il mercato infrastrutturale del gas. Germania, Austria, Francia sono nazioni strategiche per noi" ha detto. Al momento, ha precisato però l'ormai ex ad, "non abbiamo fatto alcuna offerta vincolante, in questo momento seguiamo il processo". Quanto alla greca: "è sul corridoio Tap. Guardiamo con interesse anche l'evoluzione in Grecia".

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]