Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Snam e Fluxys soci unici di Interconnector Uk
03/03/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Snam e Fluxys diventano azionisti unici di Interconnector Uk, la società cui fa capo il gasdotto da 235 chilometri che corre sotto la Manica e che collega Bacton, sulle coste orientali dell’Inghilterra, con Zeebrugge in Belgio. Il gruppo guidato da Marco Alverà e il suo alleato belga hanno infatti rilevato la quota del 33,5% detenuta da Caisse de dépôt et placement du Québec (Cdpq, la Cassa canadese), a sua volta azionista della stessa Fluxys con il 19,9% dietro il primo socio pubblico, la holding belga Publigas. Il valore dell’operazione è pari a 75 milioni di sterline (circa 84 milioni di euro ai cambi correnti), con un esborso per Snam che dovrebbe aggirarsi attorno ai 20 milioni di euro. Le società, che già detenevano il 31,5% della pipeline attraverso due veicoli ad hoc partecipati pariteticamente - le joint venture Gasbridge 1 Bv e Gasbridge 2 Bv - hanno sostanzialmente esercitato il loro diritto di prelazione sul pacchetto in mano alla Cdpq. Quest’ultima, grazie alla cessione, porta così avanti un percorso di razionalizzazione delle proprie partecipazioni trasferendo di fatto la gestione della sua quota in Interconnector Uk in capo a Fluxys, di cui, come detto, è il secondo azionista. A valle del trasferimento azionario, Fluxys e Snam diverranno soci unici di Interconnector Uk: la società belga, che già possedeva il 25% del gasdotto attraverso Fluxys Uk Limited e il 10% per il tramite di Fluxys Interconnector Limited, salirà al 76,32%, mentre il gruppo di Alverà arrotonderà la sua partecipazione al 23,68 per cento.

Fonte: Il Sole 24Ore, Finanza e mercati – Celestina Dominelli (pag. 21)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]