Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Snam, Alverà disegna un'azienda più snella
02/11/2016 - Pubblicato in news nazionali

L’ad di Snam, Marco Alverà, l’ha ripetuto in più occasioni in questi mesi: la separazione di Italgas consentirà a entrambe le società di focalizzarsi sul core business e di cogliere al meglio le opportunità di crescita che arriveranno dall’evoluzione dei rispettivi mercati. A valle dello scorporo, Snam potrà poi disporre di una leva più leggera per effetto del deconsolidamento del debito di Italgas e avrà quindi ulteriori chance per crescere all’estero. La controllata di Cdp, però, avrà anche un altro asso nella manica, annunciato nei giorni scorsi, per giocare un ruolo di primo piano sullo scenario energetico del Vecchio Continente: una nuova struttura organizzativa declinata con un occhio al piano strategico e uno allo spin off di Italgas. In sostanza, le attività di business saranno riorganizzate in tre business unit con l’obiettivo di consentire una maggiore focalizzazione e una gestione operativa più efficiente, anche grazie alla semplificazione dei processi decisionali. Una società più snella, quindi, meno indebitata (per via della scissione) e con una nuova veste che, in base al cronoprogramma comunicato nelle scorse settimane, sarà effettiva in prossimità della quotazione di Italgas.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati - Celestina Dominelli (pag. 24)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]