Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Siria, Is conquista ultimo campo petrolifero governo
08/09/2015 - Pubblicato in news internazionali

Combattenti di Stato Islamico hanno conquistato l'ultimo campo petrolifero sotto il controllo del governo siriano nel corso di una serie di battaglie in un'ampia zona desertica del Paese. Lo ha reso noto oggi l'Osservatorio siriano per i diritti umani. L'impianto di Jazal è stato chiuso, mentre i combattimenti proseguono a est di Homs, con perdite da entrambi i lati, secondo i dati raccolti dall'Osservatorio, un organismo con sede a Londra ma con molti corrispondenti e fonti sul territorio siriano. L'esercito siriano ha detto di aver respinto un attacco nella stessa zona, con l'uccisione di 25 combattenti (tra cui alcuni stranieri), ma non ha fatto accenni a Jazal né a quanta parte delle infrastrutture energetiche siano rimaste sotto il suo controllo. “Il regime ha perso l'ultimo campo petrolifero in Siria”, riferisce l'Osservatorio. Alcuni commentatori sui social media hanno scritto che i combattimenti sono scoppiati negli ultimi due-tre giorni e che i ribelli hanno conquistato il giacimento domenica. Jazal è un campo petrolifero di medie dimensioni che si trova a nord-ovest del sito archeologico di Palmyra, vicino a una regione dove si trovano i principali giacimenti di gas della Siria.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]