Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Sicim all’opera sul gasdotto Messico-Usa con Scozia e Iraq tre gare da 200 milioni
27/02/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Per lo shale gas a basso costo non ci sono confini, barriere o passaporti. Neppure sulla frontiera tra Stati Uniti e Messico dove i bulldozer e gli scavatori lavorano senza sosta per costruire una rete di pipeline lunga 5mila chilometri che porterà il gas low cost ottenuto dalle sabbie bituminose dagli Usa verso le centrali elettriche del Nord del paese latino. In questo contesto gioca un ruolo decisivo un’azienda italiana: la Sicim di Busseto, in provincia di Parma, che in Messico continua a guadagnare commesse per la progettazione, l’impianto e il collaudo di pipeline per il trasporto di idrocarburi. Nel complesso dei lavori Sicim si è aggiudicato circa 2mila chilometri della rete di collegamento tra Usa e Messico, quasi la metà della mega-opera. La società ha messo a punto una tecnologia di scavo e posa di pipeline per cui compra macchine movimento terra, le trasforma e le invia in giro per il mondo nei suoi cantieri. Tra Messico, Scozia e Iraq la società negli ultimi mesi ha preso tre commesse per un valore di 200 milioni di euro.

Fonte: La Repubblica, Affari e Finanza – Christian Benna (pag 22)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]

Confindustria: Italia sia hub del gas. Crippa: supporto a chi si allinea al Pec

Si è svolto a Roma l'incontro tra il Comitato Energia di Confindustria e il sottosegretario allo Sviluppo economico Davide Crippa. Al centro del confronto, il Piano nazionale energia e clima e il ruolo strategico del gas naturale per la transi
[leggi tutto…]

Doppia Commessa per Saipem

Saipem si è aggiudicata nuovi contratti nel drilling offshore in Norvegia e in Medio Oriente per un totale di oltre 200 milioni di dollari.
[leggi tutto…]