Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Sicim all’opera sul gasdotto Messico-Usa con Scozia e Iraq tre gare da 200 milioni
27/02/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Per lo shale gas a basso costo non ci sono confini, barriere o passaporti. Neppure sulla frontiera tra Stati Uniti e Messico dove i bulldozer e gli scavatori lavorano senza sosta per costruire una rete di pipeline lunga 5mila chilometri che porterà il gas low cost ottenuto dalle sabbie bituminose dagli Usa verso le centrali elettriche del Nord del paese latino. In questo contesto gioca un ruolo decisivo un’azienda italiana: la Sicim di Busseto, in provincia di Parma, che in Messico continua a guadagnare commesse per la progettazione, l’impianto e il collaudo di pipeline per il trasporto di idrocarburi. Nel complesso dei lavori Sicim si è aggiudicato circa 2mila chilometri della rete di collegamento tra Usa e Messico, quasi la metà della mega-opera. La società ha messo a punto una tecnologia di scavo e posa di pipeline per cui compra macchine movimento terra, le trasforma e le invia in giro per il mondo nei suoi cantieri. Tra Messico, Scozia e Iraq la società negli ultimi mesi ha preso tre commesse per un valore di 200 milioni di euro.

Fonte: La Repubblica, Affari e Finanza – Christian Benna (pag 22)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]