Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa A Sherwood è corsa al gas così il fracking minaccia la quercia di Robin Hood
04/01/2017 - Pubblicato in news internazionali

Ineos, una multinazionale della chimica, ha ottenuto il permesso di cercare gas nella foresta di Sherwood. Per la precisione, sotto la foresta, trivellando il terreno in profondità per tirarne fuori energia con il controverso metodo del "fracking", la cosiddetta fratturazione idraulica. Le sonde con cui la compagnia vuole penetrare la famosa boscaglia rischiano di danneggiare la flora e la fauna locale, inclusa la "Major Oak", come è soprannominata la storica quercia del bandito gentiluomo che "rubava ai ricchi per dare ai poveri", secondo la leggenda e gli innumerevoli libri, film e cartoni animati che ne sono stati tratti. In effetti il “fracking” in Gran Bretagna non è ancora cominciato, ma la Ienos e altre società del settore hanno ottenuto dal governo di Londra le licenze per andare alla ricerca di “shale gas”, il gas da argille estratto da giacimenti non convenzionali, intrappolato nella porosità della roccia sotterranea. Una tecnologia che, come altrove, anche qui scatena forti polemiche.

Fonte: La Repubblica – Enrico Franceschini (pag. 15)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]