Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La Shell cerca altri giacimenti al Sud
13/01/2017 - Pubblicato in news nazionali,stoccaggi

Altri giacimenti in arrivo. Alla Shell interessa non solamente la catena montuosa della Maddalena che divide il vallo di Diano (Salerno, Campania) dalla val d’Agri (Potenza, Basilicata). La compagnia anglolandese ha avviato al ministero dell’Ambiente le procedure di valutazione d’impatto per cercare giacimenti in altre due aree, nel cuore della Basilicata, definite La Cerasa e Pigneto. Per ascoltare il sottosuolo alla ricerca di risorse la Shell adotterà una tecnologia nuova, “passiva”, che non arreca disturbo. Comitati nimby e coorti di sindaci si sono già attivati: dicono di temere (anzi, pronosticano con certezza) devastazioni, disastri, catastrofi. Nel frattempo ricevono pareri positivi altri progetti. Via libera del ministero dell’Ambiente a Ragusa per una prova di estrazione con tre pozzi, approvate le procedure per gli storici giacimenti Clara e Bonaccia in Adriatico, nel mar Ionio via libera ambientale allo studio sotto il fondale al largo di Crotone e in una vasta area al centro del golfo di Taranto. In Calabria e in Romagna dichiarazioni infocate di politici locali, agitati per la ricerca di risorse.

Fonte: Il Sole 24Ore – Jacopo Giliberto (pag. 12)

 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]