Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Shale oil vicino alla crescita zero ma dall’Opec arriverà più petrolio
21/06/2018 - Pubblicato in news nazionali

La produzione di petrolio negli Stati Uniti sta frenando e nell’area di Permian, che ha trainato finora la corsa dello shale oil, la crescita fra 3-4 mesi si fermerà del tutto, perché sarà raggiunto il limite di portata degli oleodotti.: un problema che potrebbe spingere il prezzo del barile oltre 100 dollari se l’Opec non “farà qualcosa”. L’avvertimento è di Scotto Sheffield, ceo di Pioneer Natural Resources, uno dei pochi americani che non abbiano disertato l’Opec Seminar. Le pressioni perché l’Opec reagisca alle perdite di produzione si stanno moltiplicando.

Fonte: Il Sole 24 ore, Finanza&Mercati – Sissi Bellomo (pag. 19)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Greggi ai massimi da novembre

In aumento le quotazioni del petrolio sui circuiti elettronici internazionali.
[leggi tutto…]

Phase out carbone, Crippa rilancia il cavo Sardegna-Sicilia

Il phase out del carbone in Sardegna si può gestire dalla Sicilia, valutando la possibilità di accorciare i tempi di realizzazione;
[leggi tutto…]

Petrolio in ripresa, ma tra Riad e Mosca l’alleanza è a rischio

L’asse petrolifero tra Russia e Arabia Saudita inizia a scricchiolare
[leggi tutto…]