Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Shale oil vicino alla crescita zero ma dall’Opec arriverà più petrolio
21/06/2018 - Pubblicato in news nazionali

La produzione di petrolio negli Stati Uniti sta frenando e nell’area di Permian, che ha trainato finora la corsa dello shale oil, la crescita fra 3-4 mesi si fermerà del tutto, perché sarà raggiunto il limite di portata degli oleodotti.: un problema che potrebbe spingere il prezzo del barile oltre 100 dollari se l’Opec non “farà qualcosa”. L’avvertimento è di Scotto Sheffield, ceo di Pioneer Natural Resources, uno dei pochi americani che non abbiano disertato l’Opec Seminar. Le pressioni perché l’Opec reagisca alle perdite di produzione si stanno moltiplicando.

Fonte: Il Sole 24 ore, Finanza&Mercati – Sissi Bellomo (pag. 19)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]