Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Lo shale oil Usa comincia a tagliare la produzione
02/03/2016 - Pubblicato in news internazionali

Per la prima volta dopo tanti anni, i big americani dello shale stanno iniziando a ridurre la produzione di petrolio e gas, piegandosi alla realtà che il surplus globale manterrà i prezzi in stato di depressione. Riferisce il Wall Street Journal che i tagli alla produzione sono in netto contrasto rispetto allo scorso anno, quando molti player americani hanno tenuto aperti i rubinetti mentre i prezzi precipitavano da 100 dollari al barile a quasi 30.

Fonte: MF – Manuele Costa (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Snam, accordo con Rina sull'idrogeno

Snam e Rina, primario player globale attivo nel campo dei servizi di testing, ispezione, certificazione e consulenza ingegneristica, hanno sottoscritto un memorandum of understanding per avviare una collaborazione nel settore dell'idrogeno
[leggi tutto…]

Intervista a Fatih Birol: "Petrolio, giusto riunire il G20, se crolla il settore per danni per tutti"

Produttori e consumatori di petrolio allo stesso tavolo per evitare “nell’interesse di tutti il tracolo del settore”
[leggi tutto…]

Gazprom, in gennaio-febbraio export gas -24,6%

Nei primi due mesi del 2020 il colosso russo di Stato Gazprom, monopolista delle esportazioni di gas russo via tubo, ha registrato una flessione su anno dell'export del 24,6%
[leggi tutto…]