Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La sfida strategica per i giacimenti di oro nero
26/04/2016 - Pubblicato in news internazionali

Il premier inviato dal mondo a unificare il Paese, al Serraj, dopo aver escluso per quasi un mese un intervento militare esterno, alla fine si è arreso: gli attacchi ai pozzi di petrolio sono sempre più “preoccupanti”, dice, e serve l’aiuto dell’Onu per proteggerli. Lo scontro armato è per lo più in Cirenaica e sotto la Sirte in mano all’Isis: l’Eni è lontana. Il paese ha riserve di greggio per 60miliardi di barili e di gas naturale per 1.500 miliardi di metri cubi.

Fonte: Corriere della Sera – Francesco Battistini (pag. 2)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]