Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa “Senza tagli all’Opec il prezzo del petrolio rischia nuove cadute
11/11/2016 - Pubblicato in news internazionali

Svanito l’«effetto Trump», il petrolio torna ad essere condizionaton dagli scenari sul vertice Opec di fine mese. A riportarvi l’attenzione è l’Agenzia internazionale per l’energia (Aie), che ha trasformato il suo bollettino mensile in un implicito appello a tagliare la produzione: se l’Organizzazione riuscirà a mettere in pratica gli accordi di Algeri il mercato «si sposterà molto rapidamente dal surplus al deficit nel 2017», scrive l’agenzia Ocse, ma se invece non ce la farà «c’è il rischio che i prezzi subiscano una nuova caduta». L’eccesso di offerta si protrarrà infatti per il terzo anno consecutivo e le scorte petrolifere - che da agosto hanno finalmente cominciato a calare – torneranno ad accumularsi. L’avvertimento, sommato al nuovo aumento delle scorte che si è in effetti visto negli Stati Uniti, ha riportato in ribasso le quotazioni delbarile: il Brent ha chiuso a 45,84$ (-1,1%), il Wti a 44,66 $ (-1,4%). «Non possiamo predire l’esito del vertice del 30 novembre – afferma l’Aie - ma ci rendiamo conto delle dimensioni della sfida». A ottobre, il mese successivo al vertice di Algeri, la produzione mondiale di greggio è infatti cresciuta di ben 800 mila barili al giorno. E i maggiori responsabili dell’incremento sono proprio l’Opec e il suo potenziale maggior alleato, la Russia.

Fonte: Il Sole 24Ore, Finanza&mercati – Sissi Bellomo (pag. 38)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]