Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Sen, UP: escludere con fermezza lo stop ai fossili
16/02/2017 - Pubblicato in news nazionali

Nell'aggiornamento della Sen “è necessario che il Governo escluda con fermezza l'ipotesi di phase-out dei combustibili fossili per la mobilità ad una data stabilita “per legge”, già avanzata in alcuni contesti anche istituzionali”. Un approccio, questo, che l'Unione Petrolifera giudica “non accettabile”, chiedendo quindi l'adozione di “scelte chiare, univoche e consapevoli, in assenza delle quali si innescheranno da subito fenomeni irreversibili di ulteriore disimpegno”. Questo il messaggio principale che i rappresentanti di Unione Petrolifera (il presidente Claudio Spinaci, il DG Marina Barbanti e Pietro De Simone) hanno consegnato al ministero dello Sviluppo economico in occasione dell'incontro di questa mattina sull'aggiornamento della Sen. Per il Mise erano presenti il segretario generale Andrea Napoletano, Giovanni Perrella e Carlo Stagnaro. Secondo l'associazione dei petrolieri la nuova Sen “dovrà inoltre chiarire l'arco temporale della transizione energetica e il contributo che il settore petrolifero potrà portare al raggiungimento degli obiettivi COP21 al 2030, in particolare nella mobilità, considerando, nel confronto tra le diverse tecnologie, le emissioni dell'intero ciclo di vita del prodotto”. Quanto in particolare alla mobilità elettrica, “la capacità di penetrazione dei carburanti alternativi e in particolare della mobilità elettrica dovrà essere misurata con adeguate analisi costi/benefici evitando l'adozione di meccanismi incentivanti e distorsivi o l'introduzione di vincoli alle diverse forme di motorizzazione che possano artificialmente alterare la selezione delle tecnologie disponibili”.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]

Gas, l'Egitto lancia la sfida

Eni e Shell hanno affermato apertamente che l'Egitto è l'opzione più economica per portare sul mercato le gigantesche riserve di gas del Mediterraneo orientale, un'opzione preferibile al progetto di maxigasdotto Cipro-Grecia E
[leggi tutto…]

Eni avanza ancora nel gas libico

La spagnola Repsol è stata costretta a dichiarare lo stato di forza maggiore per il suo giacimento di Sharara.
[leggi tutto…]