Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Sechin: l’Opec pensi alla exit strategy
19/05/2017 - Pubblicato in news internazionali

A una settimana dal vertice in cui l’Opec e i suoi alleati ratificheranno con tutta probabilità la proroga del piano di intervento sui mercati petroliferi, Sechin comincia a guardare a cosa succederà dopo. Occorre studiare una transizione morbida perché se una grande quantità di petrolio dovesse di colpo riversarsi sul mercato ci sarebbero conseguenze drammatiche. Rosneft sta cercando di arrivare preparata a quel momento: continuerà a ridurre la produzione secondo i patti, ma dai nuovi giacimenti e non dai vecchi, perché il calo di pressione potrebbe comprometterli. Sulla durata dei tagli proposti da Arabia Saudita e Russia, fino a marzo 2018, Igor Sechin, ceo di Rosfnet, ha assicurato di sentirsi a proprio agio.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Finanza&Mercati – Sissi Bellomo (pag. 32)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]

Gas, l'Egitto lancia la sfida

Eni e Shell hanno affermato apertamente che l'Egitto è l'opzione più economica per portare sul mercato le gigantesche riserve di gas del Mediterraneo orientale, un'opzione preferibile al progetto di maxigasdotto Cipro-Grecia E
[leggi tutto…]

Eni avanza ancora nel gas libico

La spagnola Repsol è stata costretta a dichiarare lo stato di forza maggiore per il suo giacimento di Sharara.
[leggi tutto…]