Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Ma se scoppia il barile marea nera da 3 mila miliardi
04/04/2016 - Pubblicato in news internazionali

Sono 3mila i miliardi di dollari che le aziende produttrici di petrolio e gas in tutto il mondo hanno sui loro bilanci, fra prestiti e obbligazioni, che prima o poi dovrebbero rimborsare alle banche e agli investitori che hanno dato loro fiducia. Il problema è che con i prezzi del greggio crollati del 65% dai massimi del giugno 2014, un numero crescente di quelle aziende è a rischio di fallire e quindi non poter ripagare i propri debiti. Il mini-petrolio ha già fatto fallire 52 società Usa dedite al “fracking”.

Fonte: Corriere della Sera, Corriereconomia – Maria Teresa Cometto (pag. 3)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]

Confindustria: Italia sia hub del gas. Crippa: supporto a chi si allinea al Pec

Si è svolto a Roma l'incontro tra il Comitato Energia di Confindustria e il sottosegretario allo Sviluppo economico Davide Crippa. Al centro del confronto, il Piano nazionale energia e clima e il ruolo strategico del gas naturale per la transi
[leggi tutto…]