Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Ma se scoppia il barile marea nera da 3 mila miliardi
04/04/2016 - Pubblicato in news internazionali

Sono 3mila i miliardi di dollari che le aziende produttrici di petrolio e gas in tutto il mondo hanno sui loro bilanci, fra prestiti e obbligazioni, che prima o poi dovrebbero rimborsare alle banche e agli investitori che hanno dato loro fiducia. Il problema è che con i prezzi del greggio crollati del 65% dai massimi del giugno 2014, un numero crescente di quelle aziende è a rischio di fallire e quindi non poter ripagare i propri debiti. Il mini-petrolio ha già fatto fallire 52 società Usa dedite al “fracking”.

Fonte: Corriere della Sera, Corriereconomia – Maria Teresa Cometto (pag. 3)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gazprom, in gennaio-febbraio export gas -24,6%

Nei primi due mesi del 2020 il colosso russo di Stato Gazprom, monopolista delle esportazioni di gas russo via tubo, ha registrato una flessione su anno dell'export del 24,6%
[leggi tutto…]

Energia, tlc, logistica. La riscossa italiana può iniziare dalle reti

Le reti sono state le grandi protagoniste di questa prima fase di emergenza, dimostrando una notevole “resilienza”
[leggi tutto…]

Rally del petrolio con ipotesi tagli

Il mercato del petrolio è forse vicino a una svolta. Arabia Saudita e Stati Uniti hanno aperto la porta alla possibilità di tagli alla produzione, anche di grande entit
[leggi tutto…]