Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Schiaffo di Gazprom a Saipem
09/12/2016 - Pubblicato in news internazionali

Diventa difficile ora immaginare una soluzione consensuale e stragiudiziale per ricomporre la rottura unilaterale del contratto South Stream. Non dopo che Gazprom ha preferito a Saipem il competitor svizzero Allseas per il realizzare il tratto offshore del Turkish Stream, il gasdotto che ha preso il posto di quello poi cestinato dal colosso russo. Il gruppo guidato da Stefano Cao era dato in pole position e sembrava il vincitore naturale della nuova commessa, sia come riparazione allo sgarbo del South Stream sia perché quel tratto sottomarino è praticamente identico nel vecchio e nel nuovo tracciato, e la società italiana aveva già cominciato a lavorarci per South Stream. Ma i russi devono aver fatto altre valutazioni, con il risultato che ieri il titolo Saipem è scivolato di quasi il 2%. La società South Stream Transport, responsabile della costruzione del gasdotto Turkish Stream, ha firmato un contratto con la svizzera Allseas Group per la costruzione del primo ramo del tratto offshore dell’infrastruttura, con un’opzione per la costruzione anche del secondo ramo. Lo ha fatto sapere la stessa Gazprom in un comunicato.

Fonte: MF – Mauto Romano (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Snam accompagna Pechino nella transizione verso la neutralità carbonica

Obiettivo decarbonizzazione. In Cina il percorso della transizione energetica, spinto negli ultimi anni dall’obiettivo di migliorare la qualità dell’aria, ha subito un’accelerazione negli ultimi mesi del 2020, con l’impegno
[leggi tutto…]

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]