Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Sardegna: galleggia sul metano
05/09/2015 - Pubblicato in news nazionali

La Sardegna galleggia su un mare di gas metano? Pare proprio di sì, stando a indiscrezioni sui risultati delle ricerche fatte fare dal Qatar. Perché proprio dal Qatar? È presto detto. La ricchezza del Qatar si basa sugli enormi giacimenti di gas del suo sottosuolo, 25 mila miliardi di metri cubi stando a quanto detto a giugno dal presidente della Banca del Qatar a una riunione dell'Opec a Vienna. Inoltre da qualche tempo quel Paese del Golfo è interessato a investimenti in Sardegna, tanto da avere rilevato i 2.400 ettari di Costa Smeralda dell'imprenditore Tom Barrack, che a sua volta li aveva rilevati dall'Aga Khan. Ovvio quindi che il Qatar abbia chiesto a una multinazionale (la Riverstone, specialista in investimenti nel settore energetico) di proseguire le ricerche di gas sardo iniziate a suo tempo dall'Eni negli anni '60, proseguite dalla ormai scomparsa Progemisa e dalla Saras della famiglia Moratti. Il risultato pare sia clamoroso e prima delle vacanze estive è stato comunicato con un apposito dossier a Renzi. Il succo del dossier è stato fatto avere anche al presidente della Regione Sardegna, Francesco Pigliaru. Che il 27 agosto ha avuto a Olbia una riunione con Abdullah Mohamed Bin Saud Al Thani, zio dell'emiro del Qatar. Hanno parlato anche del grande giacimento di gas? Lapidaria e imbarazzata la risposta di Pigliaru: «Non era in agenda». Risposta che comunque conferma l'esistenza del giacimento e che la scoperta delle sue dimensioni è arrivata del Qatar. L'imbarazzo è dovuto al fatto che finora Renzi il dossier o non lo ha ancora letto o lo ha letto, ma senza averne messo a parte i sardi. Lo stallo impedisce l'inizio delle trattative tra il governatore della Sardegna e il ministero del Petrolio del Qatar. Il Qatar in Sardegna ha rilevato l'intera Costa Smeralda, o almeno la parte che conta nel settore del turismo danaroso e delle presenze di prestigio, e qualcuno teme che la Costa Smeralda cambi nome e finisca col venire chiamata Costa Qatar. 

Fonte: Italia Oggi, Primo Piano – Pino Nicotri (pag. 14) 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Emissioni, meglio tassarle alle frontiere

Per raggiungere gli obiettivi ambiziosi che servono a fronteggiare l’emergenza climatica, uno dei rimedi suggeriti dalla Presidente della Commissione europea, von der Lyen, è quello di tassare le emissioni per incentivare i produttori
[leggi tutto…]

“Il governo riapra il tavolo con le imprese per l’energia”

Noi imprenditori non siamo contro la decarbonizzazione. Anche le aziende energivore pensano che la sfida della transizione ambientale possa essere un’opportunità di crescita, ma vogliamo poter competere alla pari con gli altri Paes
[leggi tutto…]

La trazione al gas delle aziende energivore necessita d’incentivi

Il gruppo tecnico energia di Confindustria si prepara a riaprire il tavolo di confronto con il Governo. L’obiettivo è di trovare un confronto con il Ministro dello sviluppo economico Patuanelli già entro la fine dell’anno
[leggi tutto…]