Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Sardegna: “Entro il 2019 il primo metano”
05/02/2019 - Pubblicato in news nazionali

La Sardegna conta di avere il primo metano già entro il 2019 tramite le reti di distribuzione di Italgas. I primi centri a essere serviti saranno quelli dove sono già iniziati i lavori per la costruzione delle reti previste dal Piano per la metanizzazione. Secondo le stime di Italgas, forse già a luglio Stintino potrebbe essere il primo centro a essere servito. I cantieri Italgas attualmente in corso sono quattro: il bacino numero 4 (Osilo, Porto Torres, Sennori, Sorso, Stintino), il numero 6 (Alghero e Olmedo), il numero 19 (Mogoro, Palmas Arborea, San Nicolò d’Arcidano, Santa Giusta, Marrubiu, Uras) e il numero 27 (Furtei, Guasila, Samassi, Samatzai, Sanluri, Segariu, Serramanna, Serrenti). Al momento, nei quattro bacini sono stati realizzati 46 km di rete. Nei prossimi mesi partiranno i lavori anche in altri 6 bacini. Nei cantieri si stanno realizzando “reti e servizi all’avanguardia con digitalizzazione delle reti, interconnessioni tra i diversi bacini, contatori intelligenti, utilizzo diffuso della fibra ottica per la trasmissione dei dati”. Importanti anche “le ripercussioni sul fronte occupazionale”: in 3 dei bacini in cui opera Italgas hanno trovato lavoro 175 persone.

Fonte: Quotidiano Energia

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]