Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Sarà big ma anche avara
16/09/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Da quando è diventata una consuetudine per le compagnie petrolifere, praticata soprattutto in tempi di mini-barile, la formula dello scrip dividend imperversa, e un numero crescente di azionisti si è adeguato, più o meno spontaneamente. Sempre più big oil, infatti, cercano di convincere gli stakeholder ad accettare, in pagamento della cedola, azioni di nuova emissione, calcolate in base a quelle possedute e offerte a sconto rispetto al prezzo di mercato. Eppure la pratica non è esente da rischi per le società che l’hanno adottata. Consente nell’immediato di non intaccare la cassa destinata agli investimenti, ma ha effetti collaterali come quelli sintetizzati in un report pubblicato ad agosto scorso da Goldman Sachs. Gli scrip dividend, spiega la banca d’affari, hanno contribuito a una diluizione delle azioni dal 3 al 13% dal 2014 ad oggi per BP, Shell, Total e Statoil. Tra i pochi gruppi a fare eccezione c’è Eni, che nel momento della scelta, nel 2015, ha preferito abbassare la cedola a 80 centesimi, dai precedenti 1,12 euro per azione pur di non cedere alla tentazione dello scrip.  

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 28)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio volatile in attesa di G20 e Opec

Le nuove sanzioni Usa contro l’Iran non hanno smosso i mercati petroliferi.
[leggi tutto…]

Dal gas alle reti, quattro mine sul Piano energia

La campanella suonerà il 31 dicembre quando tutti i paesi Ue dovranno presentare la versione definitiva dei Piani nazionali per l’energia e il clima
[leggi tutto…]

Phase out La Spezia, i sindacati: conversione a gas ed essenzialità

Per la prima volta tutti i partecipanti al tavolo del phase out (tranne il ministero dello Sviluppo economico) si incontreranno in pubblico per parlare della centrale a carbone di La Spezia.
[leggi tutto…]