Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Sarà big ma anche avara
16/09/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Da quando è diventata una consuetudine per le compagnie petrolifere, praticata soprattutto in tempi di mini-barile, la formula dello scrip dividend imperversa, e un numero crescente di azionisti si è adeguato, più o meno spontaneamente. Sempre più big oil, infatti, cercano di convincere gli stakeholder ad accettare, in pagamento della cedola, azioni di nuova emissione, calcolate in base a quelle possedute e offerte a sconto rispetto al prezzo di mercato. Eppure la pratica non è esente da rischi per le società che l’hanno adottata. Consente nell’immediato di non intaccare la cassa destinata agli investimenti, ma ha effetti collaterali come quelli sintetizzati in un report pubblicato ad agosto scorso da Goldman Sachs. Gli scrip dividend, spiega la banca d’affari, hanno contribuito a una diluizione delle azioni dal 3 al 13% dal 2014 ad oggi per BP, Shell, Total e Statoil. Tra i pochi gruppi a fare eccezione c’è Eni, che nel momento della scelta, nel 2015, ha preferito abbassare la cedola a 80 centesimi, dai precedenti 1,12 euro per azione pur di non cedere alla tentazione dello scrip.  

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 28)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]