Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Salvi investimenti e lavoro. Colpo al movimento no- Tap
18/04/2016 - Pubblicato in news nazionali

Il fallimento del referendum lascia in vigore le attuali norme che vietano le attività estrattive off-shore entro le 12 miglia marine fatte salve le concessioni già in essere fino ad esaurimento dei giacimenti. In caso di vittoria del “sì”, si sarebbe persa occupazione in quanto otto piattaforme su dieci avrebbero dovuto chiudere i battenti entro cinque anni. Rispetto alle stime dell’ottobre 2014 di Assomineraria, gli investimenti – anche per una serie di norme nel frattempo entrate in vigore– si sono già ridotti fortemente. Gli altri Paesi adriatici, dalla Croazia alla Macedonia, vanno invece avanti nelle concessioni estrattive. Anche sul gasdotto Tap potrebbe ora ripetersi uno “scontro” analogo a quello avvenuto sulle trivelle.

Fonte: Il Messaggero – Andrea Bassi (pag. 4)          

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]

Gas, l'Egitto lancia la sfida

Eni e Shell hanno affermato apertamente che l'Egitto è l'opzione più economica per portare sul mercato le gigantesche riserve di gas del Mediterraneo orientale, un'opzione preferibile al progetto di maxigasdotto Cipro-Grecia E
[leggi tutto…]

Eni avanza ancora nel gas libico

La spagnola Repsol è stata costretta a dichiarare lo stato di forza maggiore per il suo giacimento di Sharara.
[leggi tutto…]