Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Salvi investimenti e lavoro. Colpo al movimento no- Tap
18/04/2016 - Pubblicato in news nazionali

Il fallimento del referendum lascia in vigore le attuali norme che vietano le attività estrattive off-shore entro le 12 miglia marine fatte salve le concessioni già in essere fino ad esaurimento dei giacimenti. In caso di vittoria del “sì”, si sarebbe persa occupazione in quanto otto piattaforme su dieci avrebbero dovuto chiudere i battenti entro cinque anni. Rispetto alle stime dell’ottobre 2014 di Assomineraria, gli investimenti – anche per una serie di norme nel frattempo entrate in vigore– si sono già ridotti fortemente. Gli altri Paesi adriatici, dalla Croazia alla Macedonia, vanno invece avanti nelle concessioni estrattive. Anche sul gasdotto Tap potrebbe ora ripetersi uno “scontro” analogo a quello avvenuto sulle trivelle.

Fonte: Il Messaggero – Andrea Bassi (pag. 4)          

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]