Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Saipem scommette sul Golfo
05/06/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Con il contratto appena portato a casa dal Qatar, Saipem si trova ora a circa un terzo del cammino verso l’obiettivo di commesse tra 3,2 e 3,5 miliardi di euro stimate dagli analisti per quest’anno nel segmento E & C Offshore. Il contratto Rasgas Barzan Subsea Pipelines annunciato ieri (in realtà Saipem non ha dato dettagli sull’ordine, ma di questo si tratta), vale da solo 1,3 miliardi di dollari, circa 1,1 miliardi di euro al cambio attuale. Barzan, progetto sviluppato fin dal 2011 dalla joint venture Qatargas ed Exxon Mobil, con un controvalore di oltre 10,4 miliardi di dollari. Le attività assegnate a Saipem riguardano ingegneria, approvvigionamento, costruzione e installazione delle condotte, compreso un programma di consegne a lungo termine. A rovinare la festa ci si è messa l’onda lunga di una riunione tecnica dell’Opec, che avrebbe deciso di aumentare la produzione nella seconda metà dell’anno, anche se è opinione del mercato che l’aumento sarà graduale, e che soprattutto l’Arabia Saudita non ha interesse ad accelerare la sua produzione, per garantire alti prezzi del petrolio in vista dell’ipo del campione nazionale Saudi Aramco, nel 2019. Ci sono poi gli altri potenziali contratti in arrivo per Saipem: Zohr 2 con Eni (offshore, valore stimato oltre 500 milioni di dollari), il tratto alta velocità Brescia-Verona (onshore, 1 miliardo di euro), il terminal di gas Ptt Lng nell’Asia Pacifico (onshore, altri 500 milioni di dollari) ecc.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Intervista a Claudio Descalzi (ceo Eni): “ A Ravenna il più grande hub della C02 al mondo”

Descalzi spiega come l’emergenza del coronavirus abbia imposto un’accelerazione sulla trasformazione energetica: “dobbiamo definitivamente allontanarci dalla volatilità delle fluttuazione del prezzo del petrolio che ci sta bloccan
[leggi tutto…]

Nell’Oil&Gas l’imperativo è cambiare pelle

Non ci sono soltanto le società americane dello shale oil ad accusare il colpo della crisi, basti pensare alle svalutazioni anticipate da BP, che potrebbero raggiungere 19,5 miliardi nel secondo trimestre
[leggi tutto…]

Energia, Patuanelli e Confindustria <<Avanti investimenti e taglio costi>>

Un impulso alla transizione energetica. Con il via libera da parte del Governo a misure che potranno ridurre il nostro gap di costi nei confronti degli altri paesi, a cominciare dai settori gasivori.
[leggi tutto…]