Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Saipem scommette sul Golfo
05/06/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Con il contratto appena portato a casa dal Qatar, Saipem si trova ora a circa un terzo del cammino verso l’obiettivo di commesse tra 3,2 e 3,5 miliardi di euro stimate dagli analisti per quest’anno nel segmento E & C Offshore. Il contratto Rasgas Barzan Subsea Pipelines annunciato ieri (in realtà Saipem non ha dato dettagli sull’ordine, ma di questo si tratta), vale da solo 1,3 miliardi di dollari, circa 1,1 miliardi di euro al cambio attuale. Barzan, progetto sviluppato fin dal 2011 dalla joint venture Qatargas ed Exxon Mobil, con un controvalore di oltre 10,4 miliardi di dollari. Le attività assegnate a Saipem riguardano ingegneria, approvvigionamento, costruzione e installazione delle condotte, compreso un programma di consegne a lungo termine. A rovinare la festa ci si è messa l’onda lunga di una riunione tecnica dell’Opec, che avrebbe deciso di aumentare la produzione nella seconda metà dell’anno, anche se è opinione del mercato che l’aumento sarà graduale, e che soprattutto l’Arabia Saudita non ha interesse ad accelerare la sua produzione, per garantire alti prezzi del petrolio in vista dell’ipo del campione nazionale Saudi Aramco, nel 2019. Ci sono poi gli altri potenziali contratti in arrivo per Saipem: Zohr 2 con Eni (offshore, valore stimato oltre 500 milioni di dollari), il tratto alta velocità Brescia-Verona (onshore, 1 miliardo di euro), il terminal di gas Ptt Lng nell’Asia Pacifico (onshore, altri 500 milioni di dollari) ecc.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Riad: <<Chi punta contro il petrolio si farà male>>

Da un lato la domanda di petrolio che fatica a recuperare i livelli pre Covid, dall’altro le disciplina sui tagli di produzione che dopo mesi di estremo rigore è tornata a vacillare.
[leggi tutto…]

Ets, assegnazioni gratuite nel mirino

Tempo di ripensamenti per le allocazioni gratuite Ets, il sistema disegnato per contrastare la rilocalizzazione delle industrie europee al di fuori della Ue a causa dei costi della CO2
[leggi tutto…]

Transizione energetica non indolore

L’energia è al centro delle politiche dell’Unione europea, negli anni integrata dall’ambiente
[leggi tutto…]