Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Saipem, il ruolo di Eni e Cdp
18/10/2015 - Pubblicato in news nazionali

Il rilancio di Saipem dovrà passare da una manovra complessiva vicina agli 8 miliardi di euro le cui linee guida dovranno essere approvate entro il 27 ottobre, data di presentazione del piano industriale. Ma negli ultimi giorni l'operazione allo studio si sarebbe confrontata con due nodi da sciogliere e attorno ai quali il confronto tra azienda e banche si starebbe facendo particolarmente serrato. Il primo è di natura tecnica e riguarda il rating che sarà attribuito alla controllata dell'Eni; il secondo, più finanziario, coinvolge invece le garanzie che gli istituti avrebbero richiesto ai fini della ricapitalizzazione. Punto di partenza per capire le questioni sul tavolo è comprendere la struttura del riassetto. Allo stato attuale, un maxi consorzio formato da Goldman Sachs e JP Morgan, insieme a Citi, Deutsche Bank, Mediobanca, Intesa Sanpaolo, Bnp Paribas-Bnl e Unicredit sta studiando le necessità di cassa del gruppo. Lo schema su cui si starebbe ragionando prevede un rifinanziamento tra i 4,5 e i 5 miliardi e un aumento di capitale attorno a 3,5 miliardi.

Fonte: Il Sole 24 ore, Finanza & Mercati – Laura Galvagni e Marigia Mangano (pag. 21)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni rivede lo scenario e annuncia rettifiche per 3,5 miliardi

Eni conferma la propria strategia di decarbonizzazione al 2050, ma dopo l’aggiornamento di fine marzo, rivede ulteriormente le proprie stime alla luce dell’emergenza coronavirus
[leggi tutto…]

Snam, sprint su rete e progetti

Se c’è un dato che più di altri racconta il potenziale di Snam sul fronte dell’idrogeno è che il 70% dei suoi metanodotti è realizzato con tubi pronti ad accoglierne il passaggio. Non a caso, ad aprile 2019, la soci
[leggi tutto…]

L’idrogeno dà prospettiva a Snam

Snam avrà un ruolo crescente nella transizione energetica basata anche sull’idrogeno
[leggi tutto…]