Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Saipem si rimette a lavoro per incassare la penale sul South Stream

C’è un capitolo finito forse nel dimenticatoio nel caso Saipem, eppure non si tratta di un aspetto secondario per i conti della società controllata da Eni. Mentre è partito il conto alla rovescia verso la presentazione del piano «Fit for future» del nuovo ad Stefano Cao, atteso per il 27 ottobre assieme ai conti dei nove mesi, e quando l'attenzione è catalizzata dall'aumento di capitale tra 1,5 e 3 miliardi di euro, i legali di Saipem si sono rimessi al lavoro sulla penale per F interruzione del contratto South Stream. La vicenda è nota, ma, avendo registrato più di un ribaltone, vale la pena ripercorrerla. A dicembre scorso Gazprom aveva annunciato il dietrofront sul progetto per la costruzione del gasdotto, cui Saipem stava lavorando dopo essersi aggiudicata contratti per un controvalore di circa 2 miliardi di euro. Pochi mesi dopo, a maggio di quest'anno, il gruppo russo aveva ripreso in mano il progetto, spostando il tracciato verso la Turchia e ribattezzandolo Turk Stream, riattivando parzialmente quello stesso contratto. Poi, improvvisamente, il colpo di scena finale dell'8 luglio scorso, quando a Saipem era stata notificata la termination for convenience del contratto. In chiusura di semestre la società aveva subito cancellato dal backlog 1,23 miliardi di euro relativi alle commesse South Stream. Così è ripartita la negoziazione della penale, che dovrebbe consentire alla società di rientrare almeno dei costi sostenuti a causa del fermo dei mezzi navali da impegnare per i lavori nel Mar Nero, in particolare la nave posatubi Saipem 7000. L'estate appena terminata, perciò, ha dato nuovamente lavoro ai le gali. L'obiettivo, secondo indiscrezioni, è arrivare a chiudere il capitolo relativo alla penale per il South Stream entro fine anno. Nel frattempo i rapporti con Gazprom sembrano buoni, almeno stando alle recenti aperture di A o i rapporti con Gazprom sembrano buoni,almeno stando alle recenti aperture di Alexey Miller, ceo del colosso russo. «Il successo dell'attuazione dei progetti di gasdotti come North Stream e Blue Stream è basato in gran parte sull'alta qualità dell'interazione tra i project partner e i contractor come Saipem», ha detto Miller durante l'incontro di fine agosto con Fad di Eni, Claudio Descalzi, «Apprezziamo quindi le prospettive di un'ulteriore cooperazione costruttiva con Saipem sui progetti di Gazprom attuali e futuri».

Fonte: Milano Finanza – Angela Zoppo (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]