Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Saipem si rimette a lavoro per incassare la penale sul South Stream

C’è un capitolo finito forse nel dimenticatoio nel caso Saipem, eppure non si tratta di un aspetto secondario per i conti della società controllata da Eni. Mentre è partito il conto alla rovescia verso la presentazione del piano «Fit for future» del nuovo ad Stefano Cao, atteso per il 27 ottobre assieme ai conti dei nove mesi, e quando l'attenzione è catalizzata dall'aumento di capitale tra 1,5 e 3 miliardi di euro, i legali di Saipem si sono rimessi al lavoro sulla penale per F interruzione del contratto South Stream. La vicenda è nota, ma, avendo registrato più di un ribaltone, vale la pena ripercorrerla. A dicembre scorso Gazprom aveva annunciato il dietrofront sul progetto per la costruzione del gasdotto, cui Saipem stava lavorando dopo essersi aggiudicata contratti per un controvalore di circa 2 miliardi di euro. Pochi mesi dopo, a maggio di quest'anno, il gruppo russo aveva ripreso in mano il progetto, spostando il tracciato verso la Turchia e ribattezzandolo Turk Stream, riattivando parzialmente quello stesso contratto. Poi, improvvisamente, il colpo di scena finale dell'8 luglio scorso, quando a Saipem era stata notificata la termination for convenience del contratto. In chiusura di semestre la società aveva subito cancellato dal backlog 1,23 miliardi di euro relativi alle commesse South Stream. Così è ripartita la negoziazione della penale, che dovrebbe consentire alla società di rientrare almeno dei costi sostenuti a causa del fermo dei mezzi navali da impegnare per i lavori nel Mar Nero, in particolare la nave posatubi Saipem 7000. L'estate appena terminata, perciò, ha dato nuovamente lavoro ai le gali. L'obiettivo, secondo indiscrezioni, è arrivare a chiudere il capitolo relativo alla penale per il South Stream entro fine anno. Nel frattempo i rapporti con Gazprom sembrano buoni, almeno stando alle recenti aperture di A o i rapporti con Gazprom sembrano buoni,almeno stando alle recenti aperture di Alexey Miller, ceo del colosso russo. «Il successo dell'attuazione dei progetti di gasdotti come North Stream e Blue Stream è basato in gran parte sull'alta qualità dell'interazione tra i project partner e i contractor come Saipem», ha detto Miller durante l'incontro di fine agosto con Fad di Eni, Claudio Descalzi, «Apprezziamo quindi le prospettive di un'ulteriore cooperazione costruttiva con Saipem sui progetti di Gazprom attuali e futuri».

Fonte: Milano Finanza – Angela Zoppo (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Marcegaglia: “Greta o Trump, diffidiamo degli estremismi”

Il problema della transizione energetica va affrontato con pragmatismo dal momento che il mondo ancora si basa per l’60% sulle fonti fossili e in cui la domanda di energia è proiettata in aumento del 25% al 2030, quando la popolazione sar&agr
[leggi tutto…]

Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi

Continua, anche dopo Berlino, il gioco al rialzo del generale Haftar che non allenta la presa su porti e produzione di petrolio
[leggi tutto…]

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]