Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Saipem, riassetto in 5 divisioni. Nel piano previsti 800 esuberi
26/10/2016 - Pubblicato in aspetti tecnici,news nazionali

Un contesto di mercato deteriorato e con prospettive di recupero spostate nel tempo rispetto a quanto precedentemente ipotizzato. È la premessa al piano strategico di Saipem al 2020 approvato dal board, che ruota attorno a un riassetto interno in cinque divisioni (costruzioni offshore, costruzioni onshore, drilling offshore, drilling onshore, servizi di ingegneria ad alto valore aggiunto) e che prevede 800 tagli al personale in Europa. I risultati operativi dei primi nove mesi sono definiti dall’amministratore delegato, Stefano Cao, «incoraggianti e in linea con le aspettative» e «il piano intende rispondere alle sfide che ci impone il mercato e permetterà di migliorare in modo strutturato l’offerta di Saipem». Il gruppo ha chiuso i nove mesi con una perdita netta di 1.925 milioni dopo svalutazioni per 2.125 milioni. I ricavi sono scesi del 6,6% a 7.885 milioni (2.610 milioni nel trimestre). La società prevede di realizzare nel 2017 ricavi per 10 miliardi di euro, con un utile netto superiore ai 200 milioni. La guidance per l’esercizio indica un margine operativo lordo di circa 1 miliardo, investimenti tecnici per 400 milioni e debito netto inferiore a 1,4 miliardi.

Fonte: Corriere della Sera – red. (pag. 27)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]