Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Saipem si rafforza in Nigeria
13/07/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

La Nigeria sta muovendo i primi passi per espandere di un terzo la propria capacità di trasformare il gas naturale in liquefatto, un processo estremamente costoso che permette di esportare il carburante via nave. Si tratta di un programma da 12 miliardi di dollari, necessari però per stare al passo con i maggiori estrattori mondiali di carburante. Un investimento da cui potrebbero trarre beneficio i conti di Saipem. Nigeria Lng, un consorzio che riunisce la compagnia statale e tre major petrolifere (Nigerian National Petroleum Corp., Royal Dutch Shell Plc, Total Sa ed Eni), ha firmato contratti di ingegneria e design per un’importante sede di trasformazione lungo la costa atlantica del paese. I maggiori estrattori e convertitori al mondo di gas naturale liquefatto sono Qatar Australia e Usa che, secondo l’Agenzia internazionale dell’energia, arriveranno a rappresentare nell’insieme il 60% della fornitura globale di Gnl entro il 2023. La Nigeria fornisce il 7% del combustibile. Stando alle dichiarazioni di Nigeria Lng, la società punta a reperire sui mercati finanziari globali i 7 miliardi di dollari necessari a sostenere l’operazione e l’espansione delle attività.

Fonte: MF – Elena Dal Maso (pag. 13)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]