Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Saipem in ostaggio di Piazza Affari
15/07/2015 - Pubblicato in news nazionali

La società, braccio operativo dell’Eni (che ne controlla il 42,9%), costruisce piattaforme petrolifere. Ma, dai massimi toccati in Bors il 14 settembre del 2012 a 39,92 euro a oggi che di euro ne vale poco più di 8, il titolo ha perso l’80%: oltre 14 miliardi di capitalizzazione bruciati da una società indirettamente pubblica. Il punto zero è collocabile al dicembre del 2012 con lo scoppio dello scandalo algerino. La procura di Milano apre un’inchiesta e accusa Saipem di aver pagato tangenti per ottenere un appalto nel paese nordafricano. Un’indagine che all’epoca dei fatti, portò all’uscita dell’ad di Saipem, Pietro Tali.

Fonte: Il Giornale 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Greggi ai massimi da novembre

In aumento le quotazioni del petrolio sui circuiti elettronici internazionali.
[leggi tutto…]

Phase out carbone, Crippa rilancia il cavo Sardegna-Sicilia

Il phase out del carbone in Sardegna si può gestire dalla Sicilia, valutando la possibilità di accorciare i tempi di realizzazione;
[leggi tutto…]

Petrolio in ripresa, ma tra Riad e Mosca l’alleanza è a rischio

L’asse petrolifero tra Russia e Arabia Saudita inizia a scricchiolare
[leggi tutto…]