Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Saipem: nuovi contratti da Eni e Gazprom per 370 milioni di dollari
01/09/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Prosegue la scia positiva di Saipem che ieri ha annunciato nuove commesse per 370 milioni di dollari. La società ha reso noto di aver acquisito da Eni Angola ulteriori ordini relativi al progetto West Hub Development, che vanno ad aggiungersi a quelli già conquistati nel 2016 e nel 2017. Sempre da Eni, inoltre, Saipem ha ottenuto, nell’ambito delle attività di maintenance, modifications e operations (Mmo) che fanno sempre capo alla divisione E&C Offshore, un’latra commessa che prevede l’ingegneria, il procurement e la costruzione delle infrastrutture necessaria ad aumentare la capacità delle stazioni di gas situate presso i porti di Takaradi e Tema nello Stato africano. L’ultimo contratto riguarda il progetto di raddoppio del Nord Stream: la società guidata da Stefano Cao dovrà realizzare l’ultimo tratto della pipeline che attraversa il Mar Baltico e del suo approdo a terra a Greinswald in Germania. Con i nuovi conttratti incassati ieri, Saipem porta dunque a 3,8 miliardi il totale degli ordii conquistati negli ultimi due mesi, superando di fatto il traguardo che Cao aveva annunciato agli analisti in occasione della diffusione dei risultati semestrali.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Celestina Dominelli (pag. 26)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]