Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Saipem, il mercato approva il piano
29/10/2015 - Pubblicato in news nazionali

Il Cda di Saipem ha approvato i conti del terzo trimestre e dei nove mesi, con quest'ultimi che vedono una perdita netta di 866 milioni di euro (dall'utile di 212 milioni del 2014), un Ebit di -640 milioni (su cui pesano le svalutazioni) e acquisizione di nuovi ordini per 5,357 miliardi (dai 15 miliardi dello stesso periodo dell'anno scorso). Per quanto riguarda il terzo trimestre, i ricavi sono calati del 12,5% a 3,072 miliardi mentre il risultato operativo è stabile a 150 milioni e il risultato netto è salito del 28,9% a 54 milioni. Al 30 settembre il debito netto è pari a 5,736 miliardi (da 5,53 miliardi del 30 giugno scorso). “I risultati del terzo trimestre sono in linea con il periodo equivalente dell'anno scorso nonostante lo scenario di mercato profondamente deteriorato - ha sottolineato in una nota l'a.d. di Saipem, Stefano Cao - il risultato è stato raggiunto grazie al miglioramento del segmento E&C onshore, tornato a breakeven, nonché alla relativa stabilità del business del drilling. Risultati incoraggianti che ci permettono di confermare la guidance già comunicata”.

Fonte: Il Sole 24 ore Finanza & Mercati 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]