Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Saipem – una cura dimagrante per il gioiellino caduto nel barile
20/07/2015 - Pubblicato in news nazionali

Negli ultimi 3 anni per Saipem sono arrivati svariati profit warning, un’indagine della Procura di Milano per corruzione internazionale, un portafoglio ordini da rimettere in sesto, la quotazione scesa tra gli 8 e i 9 euro e la decisione di Eni di recidere l’intreccio con la controllata per concentrarsi sul core business della produzione di petrolio e gas e disfarsi di 4,5 miliardi di debito. L'ultimo problema è arrivato pochi giorni fa, con la cancellazione del contratto da 2 miliardi di dollari con Gazprom per la realizzazione del South Stream, il gasdotto sul fondale del Mar Nero ideato per aggirare l’Ucraina. Ed ora? A neppure tre mesi dall’arrivo in sella il nuovo ceo Stefano Cao dovrà dimostrare di avere ben salde in mano le redini dell’azienda. E a quanto pare non mancheranno i primi provvedimenti sul fronte del taglio dei costi, della razionalizzazione del portafoglio e del perimetro di business. Il fondo sembrava essere stato toccato tra gennaio e febbraio scorso, ma i nuovi recenti cali e la sfiducia su una prossima stabilizzazione del barile hanno convinto anche i più ottimisti che bisognerà stringere i denti ancora a lungo.

Fonte: Corriere della Sera 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Primi carichi di Gnl Usa respinti in Europa

L’Europa sembrava in grado di assorbire ogni eccesso di gas liquefatto
[leggi tutto…]

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]