Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Saipem – una cura dimagrante per il gioiellino caduto nel barile
20/07/2015 - Pubblicato in news nazionali

Negli ultimi 3 anni per Saipem sono arrivati svariati profit warning, un’indagine della Procura di Milano per corruzione internazionale, un portafoglio ordini da rimettere in sesto, la quotazione scesa tra gli 8 e i 9 euro e la decisione di Eni di recidere l’intreccio con la controllata per concentrarsi sul core business della produzione di petrolio e gas e disfarsi di 4,5 miliardi di debito. L'ultimo problema è arrivato pochi giorni fa, con la cancellazione del contratto da 2 miliardi di dollari con Gazprom per la realizzazione del South Stream, il gasdotto sul fondale del Mar Nero ideato per aggirare l’Ucraina. Ed ora? A neppure tre mesi dall’arrivo in sella il nuovo ceo Stefano Cao dovrà dimostrare di avere ben salde in mano le redini dell’azienda. E a quanto pare non mancheranno i primi provvedimenti sul fronte del taglio dei costi, della razionalizzazione del portafoglio e del perimetro di business. Il fondo sembrava essere stato toccato tra gennaio e febbraio scorso, ma i nuovi recenti cali e la sfiducia su una prossima stabilizzazione del barile hanno convinto anche i più ottimisti che bisognerà stringere i denti ancora a lungo.

Fonte: Corriere della Sera 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]