Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Saipem, crollo senza fine. Banche pronte a entrare
13/02/2016 - Pubblicato in news nazionali

E questo nonostante una Borsa positiva e il prezzo del petrolio in risalita. A pesare, sul titolo oil di casa Eni è la conclusione dell'aumento con solo l'87,7% di adesioni, pari a un inoptato del 12,2% che vale circa 500 milioni. E che verrà offerto nuovamente in sottoscrizione tra il 15 e il 19 febbraio. Ma al netto delle note perdite subìte in aumento dagli azionisti, cosa aspetta ora Saipem? «Guardando nel dettaglio al consorzio di garanzia commenta il consulente indipendente Luca Barillaro le banche garanti diventeranno azioniste, ma a fare la parte del leone, essendo joint global coordinator e joint bookrunner saranno molto probabilmente Goldman Sachs e Jp Morgan a cui spetta la sottoscrizione della parte più consistente dell'inoptato, e ovviamente anche più commissioni dall'operazione». Così prevedendo che la nuova offerta sui diritti difficilmente sarà un successo - Saipem si prepara ad avere almeno due nuovi azionisti rilevanti, tra le banche d'affari più influenti della finanza mondiale. La domanda che si pongono molti analisti è però se questi nuovi azionisti, e la schiera di banche che li accompagnano nella sottoscrizione dell'inoptato (Banca Imi, Citigroup, Deutsche Bank, Mediobanca, Unicredit, Hsbc, Bnp Paribas, Abn Amro e Dnb Markets.), resteranno nel capitale del gruppo. Guardando al prospetto informativo e secondo la conferma ricevuta dal consorzio di banche, Eni e Cdp (42,5% del capitale cumulato) hanno una clausola di lock-up (obbligo a non vendere) per 180 giorni, ma le banche garanti no. «Questo spiega Giuseppe Rebuzzini di Fidentiis - significa che in qualsiasi momento potrebbero decidere di rivendere una parte o tutte le azioni sul mercato creando nuova pericolosa instabilità sul titolo».

Fonte: Il Giornale

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Emissioni, meglio tassarle alle frontiere

Per raggiungere gli obiettivi ambiziosi che servono a fronteggiare l’emergenza climatica, uno dei rimedi suggeriti dalla Presidente della Commissione europea, von der Lyen, è quello di tassare le emissioni per incentivare i produttori
[leggi tutto…]

“Il governo riapra il tavolo con le imprese per l’energia”

Noi imprenditori non siamo contro la decarbonizzazione. Anche le aziende energivore pensano che la sfida della transizione ambientale possa essere un’opportunità di crescita, ma vogliamo poter competere alla pari con gli altri Paes
[leggi tutto…]

La trazione al gas delle aziende energivore necessita d’incentivi

Il gruppo tecnico energia di Confindustria si prepara a riaprire il tavolo di confronto con il Governo. L’obiettivo è di trovare un confronto con il Ministro dello sviluppo economico Patuanelli già entro la fine dell’anno
[leggi tutto…]