Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa “Sì” agli investimenti Eni di Gela
03/09/2016 - Pubblicato in news nazionali

Un investimento di quasi 1,8 miliardi per la ricerca e l’estrazione di gas al largo della Sicilia, nell’area del Golfo di Gela, e sulla terraferma. Tanto vale il progetto upstream dell’Eni che ha ricevuto il via libera della sentenza del Consiglio di Stato con la quale è stato respinto il ricorso presentato dalle associazioni ambientaliste (wwf, Legambiente, Greenpeace), Legacoop Pesca Sicilia, Touring Club italiano e dai Comuni di Ragusa, Santa Croce, Vittoria, Scicli, Palma di Montechiaro e Licata. Una sentenza che segna il definitivo via libera al cosiddetto progetto Offshore ibleo che prevede, tra le altre cose, l’esplorazione e la trivellazione in mare, la realizzazione della piattaforma Prezioso K, il completamento di sei pozzi individuati nei campi Argo e Cassiopea e di due pozzi esplorativi ribattezzati Centauro 1 e Gemini 1. La sentenza è un tassello che si va a inserire in un quadro complessivamente giudicato positivo: per quanto riguarda la costruzione della Green refinery, per esempio, il cui investimento vale 220 milioni, i cantieri sono stati avviati all’inizio di aprile,a fine luglio sono stati emessi i primi ordini di acquisto per i materiali e sono in corso le gare per completare l’approvvigionamento delle apparecchiature e del materiale per realizzare la prima fase.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Impresa e territori – Nino Amadore (pag. 13)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]