Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa “Sì” agli investimenti Eni di Gela
03/09/2016 - Pubblicato in news nazionali

Un investimento di quasi 1,8 miliardi per la ricerca e l’estrazione di gas al largo della Sicilia, nell’area del Golfo di Gela, e sulla terraferma. Tanto vale il progetto upstream dell’Eni che ha ricevuto il via libera della sentenza del Consiglio di Stato con la quale è stato respinto il ricorso presentato dalle associazioni ambientaliste (wwf, Legambiente, Greenpeace), Legacoop Pesca Sicilia, Touring Club italiano e dai Comuni di Ragusa, Santa Croce, Vittoria, Scicli, Palma di Montechiaro e Licata. Una sentenza che segna il definitivo via libera al cosiddetto progetto Offshore ibleo che prevede, tra le altre cose, l’esplorazione e la trivellazione in mare, la realizzazione della piattaforma Prezioso K, il completamento di sei pozzi individuati nei campi Argo e Cassiopea e di due pozzi esplorativi ribattezzati Centauro 1 e Gemini 1. La sentenza è un tassello che si va a inserire in un quadro complessivamente giudicato positivo: per quanto riguarda la costruzione della Green refinery, per esempio, il cui investimento vale 220 milioni, i cantieri sono stati avviati all’inizio di aprile,a fine luglio sono stati emessi i primi ordini di acquisto per i materiali e sono in corso le gare per completare l’approvvigionamento delle apparecchiature e del materiale per realizzare la prima fase.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Impresa e territori – Nino Amadore (pag. 13)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]