Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Russia-Ucraina, guerra del gas per bollette e penali non pagate
06/03/2018 - Pubblicato in news internazionali

L’Europa avrebbe potuto evitare nuovi guai aggirando l’Ucraina con il gasdotto South Stream, invece la tubatura sotto al Mar Nero non è stata fatta, e così il nostro continente si trova un’altra volta ostaggio di una disputa sul metano fra la Russia e l’Ucraina, come capita ormai da troppi anni. Però questo ennesimo round potrebbe essere l’ultimo, perché il gigante russo Gazprom ha deciso di interrompere immediatamente le forniture di gas dirette al consumo interno di Kiev, e di avviare le pratiche per risolvere anche il contratto di transito con l’Ucraina, sul cui territorio passano ogni anno 90 miliardi di metri cubi di metano destinati all’Europa occidentale. Gazprom ha fatto questa scelta drastica dopo che una corte arbitrale di Stoccolma l’ha condannata a pagare a Kiev una penale di 4,56 miliardi di dollari. Questo perché il colosso russo non ha rispettato il contratto con gli ucraini, che prevede la consegna a Kiev di almeno 110 miliardi di metri cubi di metano all’anno (destinati al consumo interno dell’Ucraina); valori che Gazprom ha ridotto d’imperio, tagliando la media delle consegne a 94 miliardi. Mosca ribatte di non aver rispettato la sua parte d’impegni perché l’Ucraina non ha pagato una parte consistente del gas ricevuto, per un valore di 2 miliardi di dollari. La corte arbitrale ha fatto la sottrazione fra la penale di Gazprom e l’arretrato di Kiev condannando i russi a pagare agli ucraini un saldo di 2,56 miliardi. È ovvio che l’Europa resti ostaggio di queste annose diatribe. In compenso si sta lavorando al Turkish Stream, sempre sotto al Mar Nero, fra Russia e Turchia, che ne ricalca in parte il tracciato; e si punta al raddoppio del gasdotto esistente Nord Stream sotto al Baltico, che taglia fuori anche la Polonia, con cui in passato erano sorti problemi analoghi.

Fonte: La Stampa, Economia&Finanza – Luigi Grassia (pag. 35)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]