Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Royalty gas, Mise: presentato il ricorso
21/09/2016 - Pubblicato in aspetti tecnici,news nazionali

Approda anche al Senato il caso delle royalty sulle produzioni nazionali di gas naturale. Un gruppo di senatori del Movimento Cinquestelle aveva presentato a metà luglio un'interrogazione indirizzata al ministro dello Sviluppo Economico per capire il livello di conoscenza del ministero sulla vicenda, gli effetti della sentenza del Tar sul gettito delle royalty e se il governo intende intraprendere iniziative come il giudizio in appello al Consiglio di Stato. Il sottosegretario per lo sviluppo economico Antonio Gentile ha risposto che il Ministero “ha già provveduto tempestivamente a presentare i ricorsi in appello al Consiglio di Stato, con istanza di sospensione dell'esecutività delle sentenze impugnate” dal momento che le compagnie petrolifere avrebbero potuto altrimenti chiedere già ora le restituzioni delle differenze di royalty allo Stato, alle Regioni e ai Comuni. Sull'impatto economico, il sottosegretario ha affermato che lo Stato dovrebbe restituire alle società circa 16,3 milioni di euro, mentre Regioni e Comuni rispettivamente 12,7 e 1,16 milioni per l'anno 2014. Allo stato attuale non è disponibile il dato sulle produzioni del 2015.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]