Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Rissa sulle riserve di gas a Cipro
18/06/2019 - Pubblicato in news internazionali

Al largo di Cipro la tensione è alta. Il dipartimento di Stato Usa segue da vicino l’evolversi della situazione e ha già inviato dei rinforzi nella zona. Il pomo della discordia sono le riserve di gas dei fondali marini cirprioti. Alcuni consorzi, che comprendono l’americana ExxonMobil, la francese Total, l’italiana Eni e Qatar Petroleum, hanno iniziato a trivellare i differenti blocchi delimitati nella Zona economica esclusiva di Cipro. Otto campagne di perforazione sono programmate entro la fine dell’anno. L’obiettivo dell’isola è quello di diventare un punto di passaggio e raccolta del gas israeliano, che poi, assieme alla produzione locale, potrebbe essere rispedito verso la Grecia e l’Europa occidentale attraverso il futuro gasdotto EastMed. Tutto potrebbe procedere sotto i migliori auspici se non fosse per Ankara. La Turchia rivendica una parte dei fondali marini ciprioti, e nei giorni scorsi ha fatto una vera e propria dimostrazione di forza, dispiegando 131 navi militari, 57 aerei e 33 elicotteri tra Mediterraneo, Mar Nero, e Mar Egeo. Ciliegina sulla torta, Cipro ha deciso di concedere a Total, senza gara di offerta, alcuni blocchi non ancora attribuiti. Lo scorso anno, il gruppo petrolifero francese non ha esitato a effettuare perforazioni nel blocco 11, un’area nel mirino della Turchia. Infine Eni ha deciso di riprendere le perforazioni del blocco 3, insieme a Total, che si atteggia a garante diplomatico della regione, ma spera, come tutti, che la Turchia non passi dalle parole ai fatti.

Fonte: Italia Oggi – Andrea Brenta (pag. 14)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sale a 100 miliardi il fondo per finanziare il Green new deal

Doveva essere approvato l’11 dicembre prossimo, ma dopo l’annuncio della nuova presidente della Commissione Europea, von der Leyen che, invece dei 35 iniziali, punta a mobilitare 100 miliardi di euro per finanziare la transizione verso un&rsqu
[leggi tutto…]

Gas: a novembre frenano le centrali, industria ancora in caduta

Consumi di gas italiani in calo a novembre per una flessione a doppia cifra del termoelettrico, la prima riduzione da nove mesi in questo settore di consumo, e un nuovo forte calo dell'industria che hanno compensato la ripresa della domanda per risca
[leggi tutto…]

Il gas russo apre la via per la Cina: l’Europa non è più l’unico mercato

Per la prima volta un gasdotto russo punta in direzione opposta all’Europa
[leggi tutto…]