Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il rischio geopolitico sale, ma il petrolio non corre
10/10/2019 - Pubblicato in news internazionali

Nonostante la costante crescita del rischio geopolitico, il prezzo del barile resta stabile. La crescita dei focolai di tensione geopolitica sempre più numerosi e pericolosi per le forniture, ultimo l’offensiva della Turchia contro le milizie curde, non dominano le preoccupazioni del mercato nonostante in qualche caso risulta già compromessa l’offerta. Nella giornata di ieri si è assistito anche ad alcuni spunti al rialzo legati a fattori come le aspettative ottimiste circa l’esito delle trattative sui dazi e in parte al dato relativo al calo delle scorte di americane di greggio.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 17)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’idrogeno dà prospettiva a Snam

Snam avrà un ruolo crescente nella transizione energetica basata anche sull’idrogeno
[leggi tutto…]

Gas, a giugno calo consumi limita i danni: -5,1%

I consumi di gas naturale nel mese di giugno registrano un nuovo calo, ma a cifra singola, con un ritorno alla normalità dei consumi civili che attenua l'impatto delle flessioni nell'industria e nel termoelettrico.
[leggi tutto…]

Intervista a Claudio Descalzi (ceo Eni): “ A Ravenna il più grande hub della C02 al mondo”

Descalzi spiega come l’emergenza del coronavirus abbia imposto un’accelerazione sulla trasformazione energetica: “dobbiamo definitivamente allontanarci dalla volatilità delle fluttuazione del prezzo del petrolio che ci sta bloccan
[leggi tutto…]