Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il rischio geopolitico sale, ma il petrolio non corre
10/10/2019 - Pubblicato in news internazionali

Nonostante la costante crescita del rischio geopolitico, il prezzo del barile resta stabile. La crescita dei focolai di tensione geopolitica sempre più numerosi e pericolosi per le forniture, ultimo l’offensiva della Turchia contro le milizie curde, non dominano le preoccupazioni del mercato nonostante in qualche caso risulta già compromessa l’offerta. Nella giornata di ieri si è assistito anche ad alcuni spunti al rialzo legati a fattori come le aspettative ottimiste circa l’esito delle trattative sui dazi e in parte al dato relativo al calo delle scorte di americane di greggio.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 17)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Riad: <<Chi punta contro il petrolio si farà male>>

Da un lato la domanda di petrolio che fatica a recuperare i livelli pre Covid, dall’altro le disciplina sui tagli di produzione che dopo mesi di estremo rigore è tornata a vacillare.
[leggi tutto…]

Ets, assegnazioni gratuite nel mirino

Tempo di ripensamenti per le allocazioni gratuite Ets, il sistema disegnato per contrastare la rilocalizzazione delle industrie europee al di fuori della Ue a causa dei costi della CO2
[leggi tutto…]

Transizione energetica non indolore

L’energia è al centro delle politiche dell’Unione europea, negli anni integrata dall’ambiente
[leggi tutto…]