Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Rischio energia, ma il mercato non si scalda
06/06/2017 - Pubblicato in news internazionali

La rottura delle relazioni tra Qatar da un lato e Arabia Saudita, Emirati Arabi ed Egitto dall’altro, ha a malapena smosso i mercati dell’energia. La mini impennata del greggio (+1,6%) durante la contrattazione asiatica si è riassorbita in fretta e il Brent ha addirittura chiuso in ribasso. In Asia il prezzo spot del Gnl è rimasto intorno a 5,40 dollari per milioni di British thermal units (mmBtu). La calma sui mercati è surreale anche perché Qatar è il primo fornitore di Gnl al mondo con esportazioni pari a 77,2 miliardi di tonnellate annue. Effetti sul mercato si riverserebbero anche sull’Italia che con 5,8 miliardi di metri cubi di gas vede il Qatar come terzo fornitore, dopo Russia e Algeria.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 5)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Riad mobilita le riserve per evitare il caro-petrolio

Oltre alle questioni relative alla sicurezza sono gli effetti economici e finanziari provocati dall’attacco alle due raffinerie saudite a preoccupare la comunità internazional
[leggi tutto…]

Russia e Ucraina riaprono la partita delle forniture di gas

E’ in procinto di scadere il contratto decennale che regola il transito di gas russo attraverso l’Ucraina e l’UE
[leggi tutto…]

Snam cerca lo sbarco negli Usa. Nel mirino c’è il gasdotto Rover

Dopo il consolidamento in Europa e l’approdo in Cina, Snam accende un faro sugli USA dove la domanda di gas crescerà al ritmo del 2% annuo da qui al 2030
[leggi tutto…]